Dalla discarica all’armadio, abiti 100% riciclati

b2ap3_thumbnail_foto.JPG

Curiosando sul web mi sono imbattuta piacevolmente in una storia di imprenditoria giovanile creativa e sostenibile. La protagonista è Giada Gaia Cicala, classe ’85 milanese e stilista del “recupero”, nel senso che le sue creazioni che portano il marchio Ecologina sono tutte realizzate con tessuti di qualità ma, scartati da aziende tessili italiane e capi d’abbigliamento non più utilizzati.

Oltre a smentire lo stereotipo che la moda è per forza poco etica e frivola, la storia di Giada è un ottimo incentivo a credere nelle proprie capacità senza dimenticare l’amore per l’ambiente! Che ve ne pare?

b2ap3_thumbnail_foto3.JPG

b2ap3_thumbnail_foto4.JPG

b2ap3_thumbnail_foto5.JPG

b2ap3_thumbnail_foto7.JPG

Caffé Vergnano

Women in coffee, il progetto che sostiene il ruolo delle donne che lavorano nelle piantagioni di caffè

Coop

Fuori la plastica dai sacchetti del pane!

tuvali
seguici su Facebook