Dalla discarica all’armadio, abiti 100% riciclati

Curiosando sul web mi sono imbattuta piacevolmente in una storia di imprenditoria giovanile creativa e sostenibile. La protagonista è Giada Gaia Cicala, classe ’85 milanese e stilista del “recupero”, nel senso che le sue creazioni che portano il marchio Ecologina sono tutte realizzate con tessuti di qualità ma, scartati da aziende tessili italiane e capi d’abbigliamento non più utilizzati.

Oltre a smentire lo stereotipo che la moda è per forza poco etica e frivola, la storia di Giada è un ottimo incentivo a credere nelle proprie capacità senza dimenticare l’amore per l’ambiente! Che ve ne pare?

b2ap3_thumbnail_foto3.JPG

b2ap3_thumbnail_foto4.JPG

b2ap3_thumbnail_foto5.JPG

b2ap3_thumbnail_foto7.JPG

Coop

L’impegno di Coop nell’emergenza coronavirus

TuVali

+ di 100 corsi online su Salute e Benessere, a partire da 5€ su TuVali.it

Izanz

Quanti e quali tipi di zanzare esistono in Italia?

Gewiss

Joinon: le nuove colonnine di ricarica smart che si gestiscono via app

Roma Motodays
Seguici su Instagram
seguici su Facebook