Come ordinare cibo gluten free all’estero?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Avete deciso di passare il ponte del 2 giugno all’estero? State programmando le vostre vacanze estive fuori dal Belpaese? Conoscete poco le lingue straniere e la vostra più grande paura è quella di non saper usare le parole giuste per chiedere al cameriere un piatto gluten free?

Timori leciti che trovano però una soluzione grazie alla DZG (Associazione Tedesca Celiachia), che mette a disposizione di tutte le persone intolleranti o allergiche al glutine un decalogo dal titolo “Richieste al cuoco”, ovvero come spiegare a chi ci sta di fronte cosa ci è consentito mangiare e cosa no. Dal bulgaro al francese, dal danese allo spagnolo, dal croato al portoghese. E ancora tedesco, greco e perfino in turco. 22 in tutto le lingue in cui è tradotto questo testo, semplice ma incisivo:

Io ho la celiachia e devo seguire un’alimentazione completamente priva di glutine. Per questo non posso assumere alimenti che contengano neanche le più piccole quantità/resti di frumento, segala, orzo, avena, farro, frumento verde essiccato e/o prodotti derivati, come ad esempio pane grattugiato, spezzati, ecc. Può consigliarmi dei piatti adatti per me presenti sul Suo menù, oppure può prepararmi un piatto privo di glutine (ad esempio evitando salse che contengano farina oppure piatti preparati senza impanatura e senza farina)? Come sostitutivo potrà utilizzare tipi di cereali adatti per me, come ad esempio mais, riso, miglio, fecola di patate oppure anche grano saraceno. La ringrazio per il Suo impegno!

Sul sito Gluten Free Roads è possibile scaricare tutti i pdf da mettere in valigia, per avere la certezza di non rimanere a bocca…asciutta!

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

WhatsApp

Usi WhatsApp? Iscriviti alle nostre news gratuite

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook