Semenzai fai-da-te: come realizzarli gratis in poche mosse

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

A partire da fogli di giornale, pagine dei quotidiani, carta da pacchi e fogli di recupero potrete realizzare dei semenzai fai-da-te grazie a materiali riciclabili e biodegradabili, che potrete recuperare gratis. Inoltre, vi servirà un barattolo di latta da utilizzare come base per la creazione del vostro nuovo vasetto.

Questi vasetti fai-da-te sono perfetti per iniziare a coltivare in un luogo riparato le piantine che poi vorrete trasferire nell’orto o in un vaso più grande, scegliendo quelle più resistenti. Potranno trasformarsi in veri e propri semenzai per le vostre piantine. In questo modo eviterete di acquistare dei vasetti di plastica e altri strumenti specifici comunemente in vendita nei negozi di giardinaggio. Il risparmio è assicurato

Vi serviranno:

Pagine dei quotidiani o fogli di recupero

– Barattoli di latta

– Terriccio

– Vassoio

– Piattino

– Semi

1) Distendete sul piano di lavoro la pagina di un quotidiano e piegatela su se stessa nel senso della lunghezza, fino a formare una striscia.

2) Appoggiate all’inizio della striscia ottenuta un barattolo di latta, in modo che un bordo di carta dello spessore di circa 3 o 4 centimetri fuoriesca da un lato.

3) Arrotolate completamente la striscia di giornale intorno al barattolo e ripiegate i bordi di carta verso l’interno per creare la base del vasetto. Per sicurezza, potete aiutarvi con un pezzetto di nastro adesivo.

vasi biodegradabili 2

4) Versate un po’ di terriccio su un piattino e con l’aiuto di un cucchiaio riempite il vostro nuovo vasetto, quasi fino a raggiungere il bordo. Disponete i vostri nuovi vasetti su un vassoio per creare un semenzaio. Seminate interrando i semi poco al di sotto della superficie del terriccio.

5) Innaffiate con uno spruzzino una o due volte al giorno. Al momento di trasferire le piantine nell’orto, create delle piccole buche appena più profonde dei vasetti stessi, aprite il fondo e trapiantate il tutto, senza rimuovere la carta. In questo modo le piantine non subiranno lo shock di essere estratte da un vaso vero e proprio e le radici risulteranno protette.

Prendetevi cura delle vostre nuove piantine, osservatele crescere, innaffiatele regolarmente e preparatevi per un ricco raccolto.

Marta Albè

Fonte foto: hgtv.com

Leggi anche: Come realizzare un orto verticale sul balcone

Segui Radici su Twitter e Facebook.

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook