Sardegna: filiera corta per un cibo reale, per una comunità reale

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

In un’isola come la Sardegna, da sempre patria di cibo di qualità e di un’alimentazione basata su principi sani, gli abitanti si stanno impegnando per riscoprire e per riportare sulle tavole del proprio territorio sapori del passato ed alimenti prodotti secondo criteri genuini, nel rispetto dell’ambiente e che si rivelano in grado di richiamare al palato gli antichi sapori perduti delle generazioni passate. La Sardegna sta così creando – o ricreando – un’economia interna alla propria terra, basata sull’offerta della possibilità di offrire piatti preparati con ingredienti che abbiano percorso il minor tragitto di trasporto possibile e che siano realizzati secondo criteri di sostenibilità ambientale.

Portavoce del progetto di realizzazione di un’ “altra economia” per la Sardegna è l’associazione Sardegna Filiera Corta, con sede ad Alghero ma operativa su tutto il territorio isolano, con la presenza di gruppi nelle città di Cagliari, Sassari, Oristano e Olbia. L’associazione si occupa di stabilire con alcuni produttori di fiducia degli accordi che permettano di distribuire a coloro che aderiranno ad essa alimenti locali a prezzi più bassi rispetto a quanto reperibile normalmente sul mercato, garantendo allo stesso tempo un guadagno ai produttori maggiore rispetto a quanto avviene per mezzo dei canali commerciali canonici. Sardegna Filiera Corta si pone come obiettivo di creare lungo tutta l’isola delle reti di Gruppi di Acquisto Solidale (GAS) che permettano agli aderenti di compiere scelte responsabili, genuine e a favore dell’economia locale, creando una spinta positiva che permetta alla Sardegna di risollevarsi dalla crisi attuale.

L’associazione prevede inoltre di impegnarsi in iniziative di sensibilizzazione al tema della filiera corta e alla buona abitudine di privilegiare prodotti locali mediante interventi da effettuare nelle scuole, in modo da coinvolgere studenti, insegnanti e genitori. I progetti potranno inoltre coinvolgere mense e punti di ristorazione. L’associazione garantisce la filiera e la tracciabilità dei prodotti, che verranno recapitati settimanalmente lungo tutto il corso dell’anno ed a prezzi convenienti a coloro che ne faranno richiesta. I panieri settimanali saranno sempre composti da alimenti freschi, locali e di stagione, che comporranno una spesa essenziale, volta a ridurre al minimo gli sprechi, grazie anche alla presenza di frutta e verdura di stagione proveniente da produzioni controllate. L’associazione organizza inoltre un Corso di agricoltura sinergica per il prossimo giugno, volto a trasmettere i principi fondamentali per la realizzazione di un orto sinergico, che sarà curato dal Dott. Agr. Riccardo Dau e che si terrà presso il Centro Didattico e l’esterno del Parco di Bunnari (Sassari). Per ricevere ulteriori informazioni, è possibile utilizzare la sezione Contatti presente sul sito web dell’associazione.

Marta Albè

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook