Orto sul balcone: il peperoncino

Il peperoncino può essere coltivato in un vaso da collocate semplicemente sul balcone o sul davanzale. I suoi frutti sono apprezzati sia in cucina, per il loro sapore piccante, sia semplicemente come ortaggi decorativi. Le piantine di peperoncino vengono infatti spesso coltivate non soltanto da chi ama utilizzarli in cucina, ma anche da chi desidera donare un tocco di colore al proprio terrazzo.

Per coltivare il peperoncino sul proprio balcone è possibile seguire due modalità differenti, che prevedono cioè di partire dall’acquisto di una piantina o dalla semina. Sarà quindi possibile optare per l’acquisto di una piantina di peperoncino presso un vivaio biologico o direttamente dei semi, sempre biologici, che altrimenti potrebbero essere reperiti tramite uno scambio di semi tra conoscenti o nel corso di una delle manifestazioni presenti sul territorio che ne prevedano il baratto.

Esiste un ulteriore metodo per procurarsi dei semi di peperoncino, che consiste semplicemente nel conservare i semi di uno dei peperoncini freschi che vi potrebbe capitare di avere a disposizione durante l’anno. In modo che possiate estrarre i suoi semi facilmente, il peperoncino dovrà essere diviso a metà con un coltello in senso longitudinale. Essi dovranno essere lasciati asciugare all’aria aperta ed all’ombra per alcuni giorni e potranno poi essere conservati all’interno di un sacchetto di carta o in un barattolo di vetro scuro e sempre al riparo dalla luce fino al momento della semina.

Quando procedere alla semina? Essa può avvenire nei mesi di marzo e aprile all’interno di piccoli vasi o di semenzai (che possono essere ottenuti bucherellando il fondo di piccoli contenitori in plastica di recupero). Le piantine inizieranno a germogliare non appena le temperature esterne raggiungeranno i 20° e dovranno essere trasferite in vasi più grandi quando avranno bisogno di uno spazio maggiore per svilupparsi. Si consiglia l’impiego di vasi rotondi del diametro di 30 centimetri. Bisognerà eliminare i ristagni d’acqua nei sottovasi per evitare la formazione di marciume delle radici, una condizione avversa a cui la pianta potrebbe essere soggetta.

Nei mesi di giugno e luglio potrete vedere apparire i primi fiori, che tra luglio ed agosto inizieranno a lasciare spazio ai frutti. Essi raggiungeranno la piena maturazione in un periodo che potrà essere compreso tra la fine di agosto e il mese di settembre. La vostra pianta di peperoncino dovrà essere collocata in una posizione soleggiata e dovrà essere innaffiata nel momento in cui la superficie del terriccio apparirà secca.

La pianta del peperoncino non resiste al gelo invernale, motivo per cui essa viene comunemente coltivata come annuale, ma potrebbe sopravvivere fino all’anno successivo se verrà posta in un luogo riparato, lontano da fonti di calore eccessivo, come i termosifoni, e da ambienti dall’aria eccessivamente secca.

I peperoncini potranno essere raccolti quando avranno raggiunto il loro tipico colore rosso, ma alcune varietà messicane possono essere raccolte e consumate anche se ancora di colore verde. Una volta raccolti, si potrà decidere di utilizzare i peperoncini freschi e spezzettati per la preparazione della classica pasta aglio, olio e peperoncino. Si potrà inoltre decidere di lasciarli essiccare in un luogo areato raccogliendoli in mazzetti da appendere al davanzale o disponendoli su di un essiccatore casalingo realizzato impiegando una cornice in compensato ed una rete come quella utilizzata per le zanzariere. I peperoncini potranno essere tagliati in più parti prima di essere disposti sull’essiccatoio, in modo che possano perdere tutta la loro acqua.

Una volta essiccati, potranno essere tritati o sbriciolati e conservati all’interno di barattoli di vetro ed al riparo dalla luce. Lasciando macerare due cucchiai di peperoncini essiccati e sbriciolati in 500 ml di olio extravergine d’oliva per due settimane potrete ottenere un ottimo olio aromatizzato.

Infine, i peperoncini freschi potranno essere conservati sottolio dopo averli lasciati macerare per 24 ore ricoperti da sale grosso ed aceto all’interno di una ciotola. Dovranno poi essere lasciati scolare e trasferiti in vasetti di vetro sterilizzati, in cui versare olio d’oliva fino alla completa copertura dei peperoncini. I barattoli dovranno dunque essere ben chiusi con tappi puliti e sterilizzati. Le conserve saranno pronte a distanza di un mese, ma potranno rimanere in dispensa senza problemi anche per un anno intero.

Marta Albè

Segui gli aggiornamenti del blog Radici su Facebook e Twitter.

Puoi contattarmi via e-mail all’indirizzo: [email protected].

Coop

Dopo uva, meloni e ciliegie, anche le clementine dicono addio al glifosato

Ecotyre

Da Gomma a Gomma: lo pneumatico verde tutto italiano realizzato con materiali riciclati

Schar

12 ricette senza glutine dall’antipasto al dolce

tuvali
seguici su Facebook