Orto Antico Bio: un progetto in crowdfunding per salvare piante e ortaggi rari

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

L’Orto Antico Bio di Senigallia, in provincia di Ancona, rischia di scomparire. I suoi fondatori sono stati costretti a trovare una nuova sede per l’orto botanico e purtroppo da soli non hanno a disposizione le risorse economiche necessarie per ripartire.

L’idea dell’Orto Antico Bio è nata per dare vita a qualcosa che non c’era e che potesse essere utile a tutti. Si è trattato di realizzare un orto antico visibile con lo scopo di recuperare vecchie varietà orticole ormai rare e quasi estinte, per regalare al visitatore uno spettacolo di forme, colori e sapori inusuali per il nostro tempo.

Le piante antiche sono più resistenti e tolleranti ai parassiti e non richiedono interventi con trattamenti fitosanitari. Conservano così al meglio le loro proprietà organolettiche. Il progetto Orti Antico è nato nel 2009 da un’idea di Edoardo Lo Giudice, appassionato di agricoltura, con il patrocinio dell’Arcopa, un’associazione che si occupa di biodiversità.

Nel giro di pochi anni Orto Antico è cresciuto molto e nel 2010, grazie alla collaborazione di volontari, appassionati e studenti, docenti di agraria e istituzioni, è giunto ad avere in pieno campo più di 2000 varietà, in un’esplosione di forme e di colori.

Nel 2015 Orto Antico è costretto a spostarsi per mancanza di rinnovo del contratto d’affitto del terreno. È stata dunque individuata una nuova sede per Orto Antico, a Senigallia, con contratto ventennale. La nuova sede farà di Orto Antico molto più di un orto botanico. Diventerà anche un contenitore culturale.

Questo progetto viene considerato un bene comune da condividere ospitando associazioni culturali e artigianali del territorio che metteranno a disposizione attività come laboratori per bambini, presentazioni di libri, progetti di orti a scuola, dibattiti culturali e percorsi del gusto con giornate a tema.

Per ripartire nel minor tempo possibile il progetto ha bisogno di un aiuto economico. Servono 8000 euro per acquistare un trattorino usato con accessori, fresa, carrello e trinciatore, 4000 euro per l’impianto di irrigazione dell’orto botanico e 6000 euro per due tunnel-serra per la produzione di piantine per l’orto botanico. Chi potrà dare una mano nella raccolta fondi riceverà sconti e ricompense.

Date una mano, se volete, e diffondete il progetto per salvare l’Orto Antico di Senigallia.

Qui il link per il crowdfunding.

Ecco un video che vi racconta la storia del progetto Orto Antico.

Marta Albè

Fonte foto: homeskid.com

Leggi anche: Un corso per diventare custodi di semi antichi

Segui Radici su Twitter e Facebook

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook