Orti urbani: un orto condiviso nel Campus universitario della LUISS

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Quando gli orti urbani arrivano nelle università. Nel Campus dell’Università LUISS di Roma è nato un orto condiviso. È stato inaugurato ieri, mercoledì 26 novembre presso la sedei di Viale Romania 32.

L’orto condiviso si presenta come uno spazio di 500 metri quadri da coltivare con prodotti di stagione rigorosamente biologici. Sarà curato interamente da un gruppo di studenti professori e personale amministrativo.

Il taglio del nastro per il nuovo orto è avvenuto alla presenza del vice presidente esecutivo Luigi Serra, del direttore generale Giovanni Lo Storto e dei numerosi studenti che hanno aderito all’iniziativa.

Il nuovo orto è nato dalla riqualificazione di uno spazio verde trasformato in area adatta da seminare e coltivare con passione. Sarà facile per studenti e professori passare dai testi universitari al contatto diretto con la terra? Di certo si tratterà di un’avventura stimolante.

Al centro della creazione dell’orto condiviso della LUISS ci sono gioco di squadra, responsabilità e sostenibilità, all’insegno di una vera e propria contaminazione tra mondi ed esperienze diverse, che è ritenuta una caratteristica tipica di questa università.

Dunque l’orto condiviso diventa parte concreta della voglia dei giovani di fare innovazione sociale attraverso una governance condivisa e collaborativa.

Come dichiara il Direttore Generale, Giovanni Lo Storto: “La sostenibilità sistemica è una sfida sociale complessa e affascinante. Richiede lenta e ponderata riflessione ma anche dinamismo e creatività. Visione e condivisione, multidisciplinarietà, e coinvolgimento allargato. Tutto questo vogliamo trasmetterlo ai nostri studenti anche con un laboratorio formativo come è l’orto, capace di catalizzare idee ed energie per far si che diventino generatori di un cambiamento virtuoso”.

Dopo il taglio del nastro, è stata programmata una visita all’orto, con illustrazione del progetto e messa a dimora di un albero da frutto davanti agli studenti presenti e ai numerosi invitati, che hanno potuto degustare un buffet con prodotti di stagione e ricevere in omaggio delle piantine aromatiche.

Vi piacerebbe poter coltivare un orto condiviso nella vostra università?

Conoscete altri progetti di questo tipo?

Marta Albè

Leggi anche: Orti didattici: con MiColtivo l’orto arriva a scuola

Segui Radici su Twitter e Facebook

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook