Orti urbani: nasce Arvaia, la cooperativa per coltivare bio e a chilometri zero

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Bologna ha finalmente deciso di scommettere sugli orti urbani? La città porta con sé un’antica tradizione orticulturale. È giunto il momento di riscoprire il passato per proiettarsi al meglio verso il futuro. Nella città più ricca di orti e aree verdi d’Europa, qualcosa si sta muovendo. È nata Arvaia, una cooperativa di agricoltori e cittadini per coltivare bio e a chilometri zero. Insieme.

La nascita di nuovi orti urbani negli ultimi anni, a Bologna e altrove, è stata determinata da un duplice fattore. Le ragioni economiche che tutti noi ben conosciamo sono state accompagnate da una nuova ricerca di legami interpersonali e di interazione sociale. Coltivare la terra è prima di tutto un modo per condividere con altre persone dei valori comuni.

Arvaia è una cooperativa nata sull’esempio delle associazioni di cittadini già attive all’estero che si occupano di promuovere e praticare l’agricoltura biologica e biodinamica ricorrendo ad un utilizzo minimo di energie fossili. Simili realtà sono note come Community Supported Agricolture, per indicare una modalità di agricoltura supportata dalla comunità.

Gli obiettivi della cooperativa non riguardano soltanto la produzione di frutta e ortaggi, ma soprattutto la partecipazione diretta e concreta dei cittadini alle attività agricole. La necessità principale è costituita dal riappropriarsi della cultura rurale, considerata alle radici del percorso che porta sulle nostre tavole gli alimenti che consumiamo ogni giorno.

La nascita di Arvaia ha permesso di individuare un inaspettato potenziale dal punto di vista dell’occupazione in agricoltura sul territorio di Bologna e provincia. L’agricoltura contadina potrà essere davvero la “nuova” forma di sostentamento del futuro? Arvaia intende proporre corsi di formazione indirizzati sia ai soci, che alle scuole primarie e secondarie.

Tra le iniziative della cooperativa troviamo già la possibilità di acquistare cassette di ortaggi bio e a chilometri zero, riservata ai soci di Arvaia, oltre all’organizzazione di giornate verdi dedicate alla semina e al raccolto, e di incontri di agri-fitness. Per ulteriori informazioni consultate il sito web www.arvaia.it o scrivete a [email protected].

Marta Albè

Segui Radici su Twitter e Facebook.

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook