Per la riqualificazione del territorio ecco il progetto “Orti di Pace”

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La riqualificazione diffusa del territorio locale, accompagnata da una lotta per la difesa del clima, avrà luogo a partire da oggi, ad Albano Laziale, in provincia di Roma, grazie ad un progetto che prevede la realizzazione di una rete di “Orti di Pace”. Tutti i cittadini sono invitati a prendere parte nella giornata di oggi all’incontro di apertura dell’iniziativa. Il progetto sarà infatti presentato oggi pomeriggio alle ore 17 nel corso di un convegno interamente ad esso dedicato, che si svolgerà presso la Sala Conferenze del Museo Civico di Villa Ferrajoli.

L’Amministrazione Comunale di Albano Laziale si impegna dunque a dare l’avvio ad un progetto di riqualificazione dell’ambiente locale da attuare per mezzo di un percorso teso a fornire informazioni tecniche e pratiche destinate all’impegno dei cittadini che vorranno prendere parte a progetti di permacultura e micro-forestazione, che interesseranno aree pubbliche e private particolarmente degradate e in stato di abbandono.

Il senso dell’iniziativa viene chiarito dalle parole espresse dall’Assessore all’Ambiente di Albano Laziale, Claudio Fiorani: “É diventato ormai necessario avviare politiche e progetti che facciano da un lato fronte ai cambiamenti climatici, dall’altro che determino un miglioramento delle condizioni ambientali del territorio locale e le pratiche di cittadinanza attiva da parte della popolazione. Il nostro impegno come amministratori pubblici è lasciare un territorio più sano e più verde, rafforzando l’economia che rispetta l’ambiente e i nuovi lavori legati alle pratiche ecologiche. Si tratta quindi di costruire una società più equa e vivibile, coniugando la tutela e valorizzazione del nostro territorio e delle sue risorse, con uno sviluppo che punta in modo particolare sulla green economy e sulle pratiche ecologiche diffuse”.

Alla serata di presentazione, che avrà luogo oggi, venerdì 15 giugno presso Villa Ferrajoli, dalle ore 18 alle ore 20, in via Risorgimento 3, ad Albano Laziale, interverranno: Nicola Marini, Sindaco di Albano Laziale (Saluti); Claudio Fiorani, Assessore all’Ambiente (Presentazione del progetto e azioni della città di Albano Laziale sul clima e l’ambiente); Roberto Salustri, direttore tecnico-scientifico EcoIstituto (La rete degli orti resilienti, i cambiamenti climatici, il recupero delle aree verdi, la biodiversità); Andrea Rostagnol, responsabile Formazione Reseda onlus (Gli orti urbani, gli oliveti comunali, la Permacultura, le osasi scolastiche, la micro-forestazione).

Un corso di formazione e di aggiornamento sulla micro-forestazione e sulla permacultura verrà organizzato da parte dell’Amministrazione Comunale locale e sarà rivolto alla cittadinanza, ai docenti scolastici ed ai tecnici comunali, in modo tale da fornire le basi necessarie per una riqualificazione delle aree trascurate della città, oltre che per migliorare l’aspetto delle aree verdi. Nel corso del progetto il Comune si avvarrà dell’appoggio della Cooperativa Reseda Onlus, da tempo attiva nei settori della sostenibilità ecologica e sociale nonché nella promozione della campagna nazionale “Cantiere Ecologia”, e della rete WiserItalia, legata alla rete internazionale WiserEarth, oltre ad essere impegnata nella promozione dei progetti “Oasi scolastiche” e “Orti urbani” dei Castelli Romani.

Un esempio da imitare.

Marta Albè

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook