Coltivare l’orto in autunno: consigli e preparativi

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Coltivare l’orto in autunno, ecco alcuni consigli utili e preparativi per il vostor orto autunnale. A seconda della regione in cui viviamo, la raccolta degli ortaggi può prolungarsi dall’estate fino all’autunno e all’invero. Forse abbiamo avuto la fortuna di poter organizzare il nostro calendario dell’orto per avere un raccolto ricco anche dopo l’estate.

In autunno dobbiamo impegnarci per prenderci cura del nostro orto al meglio, soprattutto perché in base al clima della nostra zona potremmo trovarci di fronte ad un cambiamento repentino dal caldo al freddo o ad una continuazione delle belle giornate estive magari inaspettata.

Se il clima lo permette, dunque, possiamo fare in modo che il nostro orto sia produttivo anche in autunno, con alcuni accorgimenti. Già dall’estate avremmo dovuto programmare le coltivazioni per i mesi successivi, magari cercando sempre di alternare i vari ortaggi tra le zolle, soprattutto se il nostro è un orto tradizionale.

Per prepararci all’arrivo del freddo e se temiamo temporali e grandinate possiamo iniziare ad allestire l’orto con i supporti che ci serviranno per coprire ciò che coltiveremo con il tessuto-non-tessuto.

Gli ortaggi da coltivare in autunno sono forse più numerosi di quanto vi aspettereste. In autunno nel vostro orto potrete coltivare vari ortaggi, tra cui carote, cavoli, cavolfiori, radicchio, zucche (che avrete seminato in precedenza), cicoria, sedano, rape e cavolini di Bruxelles.

Già tra la fine di agosto e l’inizio di settembre occupatevi di prendervi cura delle zolle libere e di concimarle per accogliere le nuove coltivazioni. Se utilizzate un impianto per l’irrigazione, ricordatevi di regolarlo in base alle esigenze dell’orto rispetto al clima. Rispetto all’estate le innaffiature potranno essere minori se il clima è umido e piovoso.

Pomodori, zucche e zucchine potranno continuare a maturare senza problemi anche a settembre e a ottobre. Fate in modo che le vostre coltivazioni siano in una posizione il più possibile soleggiata e per favorire la maturazione degli ortaggi, soprattutto se si trovano un po’ nascosti verso la parte inferiore della pianta, scostate le foglie in modo che risultino più esposti al sole.

Se rispetto al clima della vostra zona è ormai troppo tardi per le semine, potrete ricorrere alle pianticelle di ortaggi da trapiantare, da acquistare in un vivaio di fiducia, ancora meglio se bio.

Come in estate, anche in autunno potrete utilizzare il surplus del vostro raccolto per preparare sott’oli e sott’aceti. A settembre, se le giornate sono ancora calde, infine potrete ancora lasciare essiccare al sole i vostri ortaggi, a partire da peperoni e pomodori, per poterli consumare con gusto anche nel resto dell’anno.

Marta Albè

Fonte foto: Free All Images

Leggi anche: Mese di settembre: semina, raccolto e lavori nell’orto

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook