100×100 orti: nuovi orti in Africa con il crowdfunding di Slow Food

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

 

Cento per cento orti, Orti per l’Africa. Il vero sviluppo sostenibile nasce attraverso l’agricoltura, rendendo fertili terreni che solo apparentemente non lo sono. Inizia oggi la raccolta fondi in crowdfunding proposta da Slow Food, per finanziare la nascita i nuovi orti in Africa. Ecco lo scopo principale dell’iniziativa Cento giorni per cento orti.

A due anni dall’annuncio del progetto, Slow Food ha avviato 1000 orti nel continente africano. 25 Paesi, 50 coordinatori e 30 mila persone hanno coltivato, innaffiato, raccolto, segnando la strada verso un futuro sostenibile, un futuro non disegnato dalle grandi istituzioni internazionali ma dalle persone che hanno avuto il coraggio e la capacità di agire per un futuro migliore. Ed è proprio con questo spirito che viene lanciato oggi Cento giorni per cento orti, il primo, ambizioso progetto di crowdfunding di Slow Food.

L’innovativa raccolta fondi proseguirà per i prossimi 100 giorni con l’obiettivo di raccogliere i 90 mila euro necessari a realizzare altri 100 orti in Africa. Il crowdfunding va ben oltre l’idea di raccogliere fondi da un vasto gruppo di persone, perché trasforma i sostenitori in ambasciatori attivi e interattivi – secondo quanto comunicato proprio da Slow Food.

“Crowdfunding significa che tutti insieme possiamo farcela”, spiega Carlo Petrini, fondatore di Slow Food. “Possiamo restituire agli africani il diritto al cibo e alla sovranità alimentare. L’Africa rappresenta un osservatorio strategico in cui si concentrano le pressioni che stanno mettendo in crisi il nostro pianeta: le colture estensive per l’esportazione, le multinazionali, l’urbanizzazione. Ecco perché è importante che chi come noi crede che un mondo diverso sia possibile, sostenga questa iniziativa. Ognuno con quello che può, non è importante la cifra, è importante esserci”.

Potrete partecipare al crowdfunding e dare il vostro contributo visitando il sito web www.100x100orti.org.

Marta Albè

Fonte e foto: SlowFood.it

Segui Radici su Twitter e Facebook.

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook