Radici

Orti urbani: un orto condiviso nel Campus universitario della LUISS

b2ap3_thumbnail_orto-luiss.jpg

Quando gli orti urbani arrivano nelle università. Nel Campus dell'Università LUISS di Roma è nato un orto condiviso. E' stato inaugurato ieri, mercoledì 26 novembre presso la sedei di Viale Romania 32.

L'orto condiviso si presenta come uno spazio di 500 metri quadri da coltivare con prodotti di stagione rigorosamente biologici. Sarà curato interamente da un gruppo di studenti professori e personale amministrativo.

Il taglio del nastro per il nuovo orto è avvenuto alla presenza del vice presidente esecutivo Luigi Serra, del direttore generale Giovanni Lo Storto e dei numerosi studenti che hanno aderito all'iniziativa.

Il nuovo orto è nato dalla riqualificazione di uno spazio verde trasformato in area adatta da seminare e coltivare con passione. Sarà facile per studenti e professori passare dai testi universitari al contatto diretto con la terra? Di certo si tratterà di un'avventura stimolante.

Al centro della creazione dell'orto condiviso della LUISS ci sono gioco di squadra, responsabilità e sostenibilità, all'insegno di una vera e propria contaminazione tra mondi ed esperienze diverse, che è ritenuta una caratteristica tipica di questa università.

Dunque l'orto condiviso diventa parte concreta della voglia dei giovani di fare innovazione sociale attraverso una governance condivisa e collaborativa.

Come dichiara il Direttore Generale, Giovanni Lo Storto: "La sostenibilità sistemica è una sfida sociale complessa e affascinante. Richiede lenta e ponderata riflessione ma anche dinamismo e creatività. Visione e condivisione, multidisciplinarietà, e coinvolgimento allargato. Tutto questo vogliamo trasmetterlo ai nostri studenti anche con un laboratorio formativo come è l'orto, capace di catalizzare idee ed energie per far si che diventino generatori di un cambiamento virtuoso".

Dopo il taglio del nastro, è stata programmata una visita all'orto, con illustrazione del progetto e messa a dimora di un albero da frutto davanti agli studenti presenti e ai numerosi invitati, che hanno potuto degustare un buffet con prodotti di stagione e ricevere in omaggio delle piantine aromatiche.

Vi piacerebbe poter coltivare un orto condiviso nella vostra università?

Conoscete altri progetti di questo tipo?

Marta Albè

Leggi anche: Orti didattici: con MiColtivo l'orto arriva a scuola

Segui Radici su Twitter e Facebook

germinal bio

Germinal Bio

Germinal Bio contribuisce a rigenerare i boschi veneti colpiti dalla tromba d'aria

hcs320

Eivavie

Come depurare l'acqua del rubinetto con i filtri in ceramica

Centrifugato autunnale depurativo e digestivo: dai...
Piccoli folletti bivaccano nei boschi [FOTO]
 

Commenti 1

orto solidale condiviso

Salve, le scrivo da Gorizia dove con un gruppo di cittadini coltiviamo un terreno di 3000 mq datoci in comodato d'uso gratuito dal direttore del convitto dei Salesiani. Qui da circa un anno coltiviamo in modo biologico usando la tecnica della permacultura condividendo spazi e progetti.
Abbiamo da poco ristrutturato una casetta usando paglia e terra cruda che fungerà da magazzino e piccolo laboratorio.
Prossimi passi saranno una serra e l'introduzione di qualche animale da cortile così da creare una piccola fattoria didattica per i giovani che frequentano l'oratorio e per le altre realtà tipo scuole, cooperative sociali o privati cittadini.
I frutti del nostro orto vengono divisi in modo equo tra chi partecipa al raccolto del momento indipendentemente dalle ore lavorate, il disavanzo viene donato alla locale mensa per i poveri.
Durante le feste e gli eventi che si svolgono in città organizziamo banchetti informativi e di raccolta fondi tramite donazioni e vendita dei nostri prodotti che vengono pagati con offerte libere.
Altro metodo per raccogliere denaro sono le "cene sociali" dove si possono gustare piatti preparati da noi con i nostri prodotti e a cui partecipano parenti amici e simpatizzanti.
Tante persone ci hanno aiutato gratuitamente in vari modi, dall'aratura del terreno fatta dal contadino confinante alla serra messaci a disposizione da un vicino vivaio per fare i nostri semenzai, oltre ai tanti contadini virtuosi che ci hanno regalato semi di specie antiche e rare ma soprattutto hanno condiviso con noi il loro sapere.
Nel complesso una bellissima esperienza che dopo aver letto questo articolo mi è venuta voglia di condividere
Cordiali saluti
Moreno Stringola

0
Salve, le scrivo da Gorizia dove con un gruppo di cittadini coltiviamo un terreno di 3000 mq datoci in comodato d'uso gratuito dal direttore del convitto dei Salesiani. Qui da circa un anno coltiviamo in modo biologico usando la tecnica della permacultura condividendo spazi e progetti. Abbiamo da poco ristrutturato una casetta usando paglia e terra cruda che fungerà da magazzino e piccolo laboratorio. Prossimi passi saranno una serra e l'introduzione di qualche animale da cortile così da creare una piccola fattoria didattica per i giovani che frequentano l'oratorio e per le altre realtà tipo scuole, cooperative sociali o privati cittadini. I frutti del nostro orto vengono divisi in modo equo tra chi partecipa al raccolto del momento indipendentemente dalle ore lavorate, il disavanzo viene donato alla locale mensa per i poveri. Durante le feste e gli eventi che si svolgono in città organizziamo banchetti informativi e di raccolta fondi tramite donazioni e vendita dei nostri prodotti che vengono pagati con offerte libere. Altro metodo per raccogliere denaro sono le "cene sociali" dove si possono gustare piatti preparati da noi con i nostri prodotti e a cui partecipano parenti amici e simpatizzanti. Tante persone ci hanno aiutato gratuitamente in vari modi, dall'aratura del terreno fatta dal contadino confinante alla serra messaci a disposizione da un vicino vivaio per fare i nostri semenzai, oltre ai tanti contadini virtuosi che ci hanno regalato semi di specie antiche e rare ma soprattutto hanno condiviso con noi il loro sapere. Nel complesso una bellissima esperienza che dopo aver letto questo articolo mi è venuta voglia di condividere Cordiali saluti Moreno Stringola
Già registrato? Login qui
Ospite
Sabato, 25 Maggio 2019
corsi pagamento
seguici su facebook