Radici

Acqua: l’oro blu dell’agricoltura biologica

Fonte foto: gdefon.com

Nel corso della Giornata Mondiale dell'Acqua, che cade regolarmente il 22 marzo di ogni anno dal 1992, non può mancare un momento di riflessione da parte di tutti coloro che si occupano di agricoltura. L'agricoltura è infatti una delle attività umane che richiede maggiormente l'impiego di acqua. Essa è una fonte insostituibile di vita per ogni tipo di coltivazione, ma il suo impiego dovrebbe essere effettuato ponendo estrema attenzione ad evitare ogni sorta di spreco, un impegno che dovrebbe essere ancora più concreto nel caso dell'agricoltura biologica, che ha fatto della sostenibilità la propria bandiera.

L'acqua, come ricorda il presidente di AIAB, l'Associazione Italiana per l'Agricoltura Biologica, dovrebbe essere considerata un bene comune, un bene pubblico essenziale da gestire in maniera razionale, partecipata e responsabile, ancora di più da parte di coloro che si occupano di promuovere un modello agriecologico capace di tutelare gli ecosistemi e di garantire un corretto utilizzo delle risorse del Pianeta, a partire dal preziosissimo oro blu.

L'acqua è una risorsa di cui tutti gli esseri viventi presenti sulla Terra necessitano di beneficiare. In tale ottica ogni forma di privatizzazione e mercificazione della stessa dovrebbe essere contrastata ed evitata. Alle risorse idriche dovrebbe sempre esservi libero accesso, così come alla terra, alle sementi ed alla biodiversità. D'altra parte, si rivelerà certamente necessario stilare delle regole di razionalizzazione del ricorso all'acqua necessaria allo svolgimento di attività agricole ed extra-agricole per lo svolgimento delle quali l'irrigazione dei terreni per mezzo delle normali precipitazioni atmosferiche non risulti sufficiente o adeguato. L'acqua è più preziosa dell'oro ed ogni sua goccia dovrà d'ora in poi essere impiegata nella maniera migliore, in particolare nel corso delle attività umane più inclini alla generazione di sprechi.

Proviamo anche noi a dare un prezioso contributo a partire dalle nostre abitudini, provando a raccogliere l'acqua piovana, se ne abbiamo la possibilità, e ad utilizzarla per irrigare orti e giardini, e ricordiamoci, ad esempio, di non lasciare aperti i rubinetti più del dovuto e di servirci dell'acqua di cottura delle verdure per preparare un buon brodo o per innaffiare le mostre piante, una volta che si sarà raffreddata, in modo che i nutrienti contenuti in essa non vadano sprecati.

germinal bio

Germinal Bio

Germinal Bio contribuisce a rigenerare i boschi veneti colpiti dalla tromba d'aria

whatsapp

WhatsApp

greenMe è su WhatsApp! News sul tuo cellulare ogni giorno

Bicarbonato di sodio: un amico da tenere sempre in...
Giornata mondiale dell'acqua: un po' di buonsenso ...
 

Commenti

Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento
Già registrato? Login qui
Ospite
Lunedì, 20 Maggio 2019
corsi pagamento
seguici su facebook