Seminare il Futuro 2014: il 12 ottobre seminiamo insieme per un’agricoltura libera da Ogm

b2ap3_thumbnail_seminare-il-futuro-2014.jpg

Domenica 12 ottobre ritorna Seminare il Futuro, un’iniziativa dedicata a tutti i cittadini e in particolare alle famiglie con bambini per riscoprire il gusto di avvicinarsi alla terra e di imparare a seminare.

 

Seminare il futuro vi da appuntamento per il quarto anno consecutivo in 38 aziende agricole bio da Nord a Sud, che apriranno le loro porte a bambini, adulti, famiglie, gruppi, appassionati del bio e bio-curiosi.

Avevo partecipato a questa esperienza un paio di anni fa e vi assicuro che sarà qualcosa di unico. In contemporanea in tutte le aziende agricole bio aderenti si semineranno a mano in un campo appositamente preparato sementi biologiche e biodinamiche di cereali.

Attorno ad ogni campo verrà posizionato uno striscione su cui ciascuno potrà lasciare la propria firma. Il momento della raccolta sarà l’occasione per recarsi di nuovo presso l’azienda agricola e osservare la crescita dei cereali seminati.

Bambini con i genitori e i nonni o gruppi di amici potranno riflettere insieme sulla provenienza del cibo, sul futuro dell’agricoltura e sulla crescita di nuove piante a partire dai semi. Sarà un'occasione per far festa con i più piccoli perché la semina è un gesto gioioso che riporta ad un significato profondo.

Inoltre, vuole essere un modo per far scoprire il metodo di coltivazione biologico e biodinamico ed i prodotti ottenuti in queste aziende. Per gli adulti vuole essere anche un momento di riflessione sul futuro dei semi e sulla assoluta necessità di trovare una via alternativa all’industrializzazione delle sementi, ai brevetti posti su di essi dalle multinazionali ed al degrado della loro qualità.

Tutti elementi che concorrono alla diminuzione della biodiversità, intaccano il patrimonio comune e non aiutano ad ottenere piante sane, robuste e riseminabili. La diversità genetica è fondamentale per l'ecosistema e per una buona adattabilità degli esseri viventi ai rapidi e profondi cambiamenti ambientali. Lo sfruttamento dei terreni, la ricerca della più alta produttività agricola, l’impiego di fertilizzanti e di insetticidi chimici di sintesi hanno portato a una riduzione della biodiversità.

Siete pronti a seminare il futuro?

Scoprite l’azienda agricola più vicina a voi e iscrivetevi qui a Seminare il Futuro.

Marta Albè

Segui Radici su Twitter Facebook.

Vota:
Trova i gufi! 15 perfetti esempi di mimetizzazione...
Come coltivare la valerianella (o songino) in vaso...
 

Commenti

Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento
Già registrato? Login qui
Ospite
Sabato, 18 Novembre 2017