La proposta di un parlamentare cinese: “Salviamo le foreste, abbandoniamo le bacchette!”

Se non siete portati per utilizzare le bacchette di legno quando pranzate o cenate in un ristorante orientale e il cibo finisce irrimediabilmente per scivolarvi via, facendo ridere, sorridere o sogghignare i vostri commensali, questa notizia probabilmente vi farà tirare un sospiro di sollievo. Un parlamentare cinese ha infatti invitato i propri connazionali ad abbandonare le tradizionali bacchette di legno e a sostituirle con le posate, per arginare il fenomeno della deforestazione.

L’autore della proposta – che suona come una vera e propria rivoluzione culturale, visto che si tratta di modificare una tradizione millenaria – è Bo Guangxin, membro del parlamento e presidente della Jilin Forest Industry Group, una società che opera nel settore della selvicoltura. Secondo Guangxin, ogni anno in Cina vengono prodotte circa 80 miliardi di coppie bacchette di legno usa e getta: una quantità sufficiente a ricoprire per ben 360 volte la superficie di piazza Tiananmen a Pechino e che equivale a tagliare ben 20 milioni di alberi di età superiore ai 20 anni.

A corollario della notizia, va detto che la Cina è il più grande importatore di legno al mondo e che, per ridurre gli sprechi, nel 2006 ha già imposto una tassa del 5% sulle bacchette usa e getta e sui pavimenti in legno. Insomma, la proposta di Guangxin di rinunciare alle bacchette per salvare le foreste non nasce dal nulla.

E voi cosa ne pensate?

Deceuninck

Finestre e serramenti in ThermoFibra: cos’è e quali sono i vantaggi della loro installazione

TuVali.it

150+ corsi online su Salute e Benessere, a partire da 5€ (in collaborazione con GreenMe)

Izanz

Piretro: l’insetticida naturale contro le zanzare

Mediterranea

Come prendersi cura delle mani dopo lavaggi frequenti

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook