Il gioco, palestra di creatività

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Durante le ferie estive ho approfittato dei momenti di libertà per leggere qualche testo di pedagogia e di puericultura, per farmi un’idea di cosa dovrebbe accadere nei prossimi mesi ed anni, quando la mia bambina si troverà a conoscere il mondo che la circonda e a tessere le sue prime relazioni interpersonali. Le domande sono mille e sono condite dall’ansia di non compiere le scelte “migliori” e di non adottare i comportamenti “giusti”.

Tra le soluzioni che gli esperti propongono più di frequente c’è il gioco: uno strumento che permette al bambino di conoscere, di sperimentare e di esprimersi già dal primo anno di vita, quando non ha ancora a disposizione il linguaggio e non è in grado di muoversi autonomamente e camminare.

Il gioco è ritenuto fondamentale, purché non sia accompagnato da regole troppo rigide e non sia imposto: il bambino ha bisogno di manipolare, di associare e di interpretare in assoluta libertà. Per questo, meglio giochi semplici piuttosto che troppo articolati: lasciar perdere le soluzioni più tecnologiche, complicate e accattivanti (che di solito piacciono più al genitore…), con miriadi di funzioni accessorie, e piena fiducia invece agli oggetti da modellare, da inserire o da impilare e ai cari vecchi colori. Insomma, meglio le costruzioni di una super-macchinina telecomandata…

L’esortazione che ricorre più spesso nei saggi che ho letto è di non offrire ai nostri figli passatempi già belli e pronti, da usare e poi abbandonare quando si saranno stufati (un gioco “usa e getta”, insomma…), ma di lasciare che diano libero sfogo alla loro creatività e che facciano ciò che i più piccoli sanno fare meglio: personalizzare il proprio gioco e renderlo nuovo ed originale ad ogni occasione.

Sembra più facile a dirsi che a farsi, anche perché in commercio si trova di tutto e di più e diventa difficile per un genitore o per chi voglia fare un regalo districarsi nella giungla del marketing rivolto all’infanzia. Tuttavia, per esperienza personale nata dall’osservazione dei comportamenti del mio nipotino, posso dire che i bambini sono incuriositi dalle cose semplici. Intorno ai due anni gli abbiamo regalato delle costruzioni (dei mattoncini in legno di diverse forme e dimensioni, alcuni al naturale, altri laccati con i colori primari): se all’inizio si divertiva a farle cadere a terra per poi spingere gli adulti a riconsegnargliele, dai tre anni ha cominciato a creare delle torri, sfidando gli altri a “chi costruisce quella più alta” (ho scoperto che i bimbi sono molto competitivi!).

Ora che ha quattro anni, sebbene abbia tantissimi giochi belli e pronti, si è costruito un flipper personalizzato: ha preso il piano verde di un vecchio biliardo per bambini, appartenuto a suo padre, lo ha inclinato da un lato usando dei libri come sostegni e per giocare fa rotolare la pallina sulla sua superficie, spingendola dal basso verso l’alto con due costruzioni grandi di forma rettangolare. La regola che ha stabilito è: chi, colpendola con le costruzioni, fa cadere la pallina nella seconda buca a sinistra ha vinto. Semplice ma ingegnoso, no?

“Che c’entra tutta questa tirata sui giochi con il green?”, vi chiederete voi. Ebbene, credo che abituare un bimbo a ideare, progettare e creare piuttosto che a “consumare”, usando e gettando via, sia uno degli insegnamenti più ecologici che gli si possano trasmettere. E voi, cosa ne pensate?

Per precisare e approfondire:

Oltre al gioco, i testi che ho letto raccomandano anche storie e fiabe: ascoltate dalla viva voce dei genitori, però, non viste in TV o DVD! L’ascolto, infatti, sviluppa la creatività, spingendo il bambino ad immaginare situazioni e personaggi.

Se siete interessati a testi di puericultura, vi segnalo due letture diversissime tra loro ma comunque interessanti: La madri non sbagliano mai di Giovanni Bollea (un’opera scientifica scritta con piglio divulgativo, per guidare il genitore alternando “teoria” e “pratica”) e Disciplina con affetto di Wyckoff e Unell (un libretto pragmatico e semplice, che con molta chiarezza presenta gli eventuali problemi e le possibili soluzioni).

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

ABenergie

Smart working: come scegliere il tuo gestore di energia ora che lavori da casa

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook