Il 5 febbraio è la prima Giornata Nazionale contro lo spreco alimentare

b2ap3_thumbnail_un_anno_contro_lo-spreco_last_minute_market.jpg

Domani, 5 febbraio, si celebrerà la prima Giornata Nazionale di prevenzione dello spreco alimentare: un’intera giornata per invitarci a riflettere sui nostri piccoli grandi sprechi quotidiani e a ricordare che povertà e ineguaglianze si combattono anche riducendo la quantità di cibo che, troppo spesso, ci capita di gettare via.

Secondo i dati FAO, circa un terzo della quantità di cibo prodotta nel mondo finisce nella spazzatura senza essere consumato e, solo in Italia, ogni famiglia getta nella pattumiera 200 grammi di cibo a settimana, determinando sia uno spreco inaudito di risorse (come ad esempio l’acqua, le materie prime e l’energia utilizzate per produrre gli alimenti) e di denaro, sia un incremento nella produzione di rifiuti.

Con l’obiettivo di ridimensionare gli sprechi, studiando i correttivi necessari a rendere il processo di produzione e di commercializzazione degli alimenti più efficiente e “virtuoso”, domani si riunirà a Roma una Consultà composta da enti, associazioni, organizzazioni e imprese coinvolti nella filiera alimentare e/o attivi nella lotta allo spreco alimentare.

Il lavori saranno presieduti dal Ministro dell’Ambiente Andrea Orlando e coordinati dal presidente di Last Minute Market, Andrea Segrè, e contribuiranno alla definizio del PIMPAS, il Piano nazionale di prevenzione dello spreco alimentare.

San Benedetto

Cosa vuol dire compensare la CO₂: la linea Ecogreen di San Benedetto

Schar

Il pane senza glutine: tipi di pane e cereali utilizzati

Germinal Bio

#Bionest la nuova campagna Germinal Bio che mostra il dietro le quinte del biologico

Triumph

Come riciclare i reggiseni e gli abiti usati

Decathlon

Hai una bici usata? Torna Trocathlon dove puoi acquistare e vendere l’attrezzatura sportiva

tuvali
seguici su Facebook