Settembre: tempo di uva, frutto disintossicante per eccellenza!

L’uva è considerata una grande alleata della salute già dai tempi dei greci e dei romani, tanto che le antiche popolazioni praticavano una vera e propria terapia che prevedeva, per alcuni giorni, il consumo esclusivo (o quasi) di questo frutto. Allora si chiamava ampeloterapia (dal greco ampelos = uva) e ancora oggi si utilizza questo nome per definire quella che è più comunemente conosciuta come dieta dell’uva.

Questo frutto autunnale è davvero prezioso, contiene infatti tantissime sostanze utili e benefiche per il nostro organismo: grandi quantità d’acqua, vitamine A, B, C e PP, calcio, magnesio, potassio, ferro, sodio, acido fosforico, malico, citrico e tartarico, antiossidanti come flavonoidi e polifenoli tra cui il resveratrolo, utile a fluidificare il sangue e a diminuire il colesterolo.

La cura dell’uva altro non è che una dieta a base di succo d’uva o di acini (di cui si deve mangiare tutto, buccia e semi compresi) da seguire per 2-3 giorni. C’è però la possibilità di prolungarla (sotto stretto controllo medico) per un massimo di 3 settimane in modo da ottenere un effetto più profondo. Ogni giorno si devono consumare da 500 grammi fino a 2 kg di uva in modo da innescare un’azione disintossicante che però non risulta essere debilitante per l’organismo grazie proprio alla presenza di tutte quelle sostanze di cui sono ricchi i grappoli.

La dieta dell’uva è particolarmente indicata per chi vuole eliminare un po’ di tossine e riacquistare energia. In virtù del grande potere diuretico e remineralizzante di questa antica terapia naturale è possibile:

  • disintossicare l’intestino e altri organi
  • attivare le funzioni epatiche
  • facilitare la digestione e l’evacuazione
  • alleviare o far scomparire i disturbi emorroidali
  • rafforzare il sistema immunitario
  • migliorare i problemi di psoriasi e tutti gli stati infiammatori
  • far risplendere pelle e capelli
  • buttar giù qualche chilo di troppo e combattere ritenzione idrica e cellulite

Consigli per una riuscita migliore di questa terapia:

  • Prepararsi già qualche giorno prima aumentando di molto il consumo di frutta e verdura (meglio se cruda) e seguire una dieta il più possibile leggera e naturale anche nei giorni successivi.
  • Acquistare uva biologica
  • Bere tanta acqua povera di sodio per favorire ancora di più i processi depurativi

Quando è sconsigliata la cura dell’uva:

  • Quando si è diabetici o si ha la glicemia alta dato che l’uva è molto ricca di glucosio e fruttosio
  • Durante il periodo mestruale
  • In caso di ulcere o problemi ai reni
  • Se siete ipertesi

Chi invece ha l’intestino irritato e vuole provare una breve disintossicazione con l’uva, deve evitare di ingerire buccia e vinaccioli che possono ulteriormente aggravare la situazione, optando piuttosto per il succo. Insomma avrete capito che si può provare la dieta dell’uva per un massimo di 3 giorni anche in autonomia ma SOLO se godete di ottima salute, in caso di dubbi o se volete fare una disintossicazione più profonda consultate il vostro medico di fiducia.

Coop

Fuori la plastica dai sacchetti del pane!

Caffé Vergnano

Women in coffee, il progetto che sostiene il ruolo delle donne che lavorano nelle piantagioni di caffè

tuvali
seguici su Facebook