Oli essenziali: il mio kit da viaggio

olio-essenziale-limone

Sono finalmente in partenza per le vacanze e dato che ormai ne sono dipendente, non mi separerò nemmeno per le prossime 3 settimane dai miei oli essenziali, o più precisamente da quelli che considero davvero essenziali, almeno in questa circostanza.

Premetto che questo kit di oli essenziali è pensato per la mia vacanza in terra tropicale anche se può essere utile anche altrove. Tenete sempre presente, però, che ognuno può avere delle esigenze diverse per cui potrebbe essere fondamentale togliere alcuni di questi oli per inserirne altri che invece non sono menzionati.

PER IL VIAGGIO IN AEREO, TRENO, MACCHINA O NAVE

Mi aspetta un lungo viaggio in aereo e so già che mi si presenteranno i seguenti problemi: ansia (non amo stare sollevata da terra, almeno con il corpo!), gambe stanche o gonfie, jet lag.

 

Per l’ansia e la preoccupazione legate al lungo viaggio non può mancare l’olio essenziale di LAVANDA da inalare al bisogno versando poche gocce su un fazzoletto da tenere sempre pronto in tasca durante il volo. Lo stesso olio essenziale è utile per rilassare le gambe che sicuramente risentiranno delle lunghe ore trascorse seduta. A questo scopo è possibile preparare una compressa da applicare e massaggiare sulle gambe dal basso verso l’alto, stimolando quindi la circolazione. Basta inumidire un fazzoletto e versarci sopra 5 gocce di o. e. di lavanda, poi piegarlo, conservarlo in una busta di plastica e utilizzarlo quando serve. In alternativa si può sciogliere l’olio essenziale in olio di mandorle dolci procedendo con lo stesso massaggio che è utile anche nel caso di dolore alle ginocchia.

Per quanto riguarda i problemi legati al differente fuso orario, quest’anno sperimenterò per la prima volta un sistema che ho letto su un libro di aromaterapia, ovvero quello di farsi una doccia la mattina utilizzando un guanto su cui sono state versate 1 goccia di olio essenziale di MENTA e uno di o.e di EUCALIPTO ripetendo il procedimento la sera utilizzando però gli oli essenziali di LAVANDA e GERANIO. Se due docce al giorno vi sembrano troppe, potete frizionare sul vostro corpo gli oli sopraindicati diluendoli in olio vegetale e massaggiando in particolare la zona delle scapole, il petto e il plesso solare inalando profondamente. Il trattamento con gli oli anti Jet Lag va fatto almeno per 3 giorni o fino a che non ci si abitua al nuovo fuso.

Se arrivati a destinazione dopo il lungo viaggio ci si sente particolarmente spossati ma non c’è tempo per riposarsi, si può fare un bel bagno o doccia utilizzando olio essenziale di POMPELMO o al solito massaggiarlo sul corpo usando un olio vegetale per veicolarlo.

Ultimo problema che si può presentare in viaggio è la nausea. A questo scopo può essere utile massaggiare sull’addome olio essenziale di ZENZERO diluito (5 gocce per ogni cucchiaio di olio vegetale utilizzato). In caso di questo disturbo, però, il rimedio più efficace è senza dubbio quello di masticare un piccolo pezzettino di zenzero fresco.

DURANTE LA VACANZA

Se come me alloggerete in alberghi di fortuna, non dimenticate di portare con voi il TEA TREE OIL. Con questo olio straordinario potrete disinfettare i sanitari con l’aiuto di un panno su cui avrete versato 2 o 3 gocce. Se avete a disposizione del bicarbonato (altro prodotto che c’è sempre nella mia valigia), potete creare anche una vera e propria pastella, unendo qualche goccia di tea tree oil a bicarbonato ed acqua, da passare sulla maniglia della porta del bagno, il pulsante o la catena del water, il lavabo e la vasca da bagno.

Se avete problemi a dormire in un letto nuovo, potete spargere qualche goccia di olio di LAVANDA sul materasso e tra le lenzuola oppure strofinare 2 gocce di olio essenziale di MANDARINO sui polsi.

Per disinfettare l’acqua con cui laverete frutta e verdura utilizzate invece olio essenziale di LIMONE, si può unire anche del bicarbonato per una pulizia migliore.

Arriviamo ora ad un tasto dolente, quello delle zanzare. Gli oli essenziali più indicati per tenerle lontane sono la LAVANDA, il TIMO TIMOLO e l’EUCALIPTO. Potete seminare in giro per la vostra stanza, soprattutto vicino al letto e sul davanzale delle finestre, cotone, fazzoletti o strisce di fazzoletti aromatizzate con questi oli. Per tutta la vacanza poi utilizzate due gocce di questi oli aggiunte all’equivalente di 1 cucchiaio di olio vegetale o alla vostra crema per il corpo e spalmate nelle zone dove vi pungono di più. Se volete potete realizzare uno spray repellente miscelando 5 gocce tra lavanda e timo ogni 4 cucchiai di acqua e 1 di alcool.

Sulle punture applicate invece un gel all’aloe, della crema alla calendula o una goccia di olio essenziale di lavanda.

RICAPITOLANDO PORTERO’ CON ME: o.e di lavanda, tea tree oil, menta, eucalipto, geranio, mandarino, pompelmo, limone e timo timolo. Non mancherà nella mia valigia anche il diffusore elettrico grazie al quale potrò approfittare dei benefici dell’aromaterapia ovunque andrò…

Buone vacanze a tutti

Francesca

Seguite il mio blog anche su Facebook, iscrivetevi alla pagina NaturoMania !

Twitter: NaturoManiaBlog

LEGGI ANCHE:

– Aromaterapia: 10 oli essenziali da avere sempre in casa – parte 1

Come diffondere gli oli essenziali nell’ambiente

Coop

Dopo uva, meloni e ciliegie, anche le clementine dicono addio al glifosato

Ecotyre

Da Gomma a Gomma: lo pneumatico verde tutto italiano realizzato con materiali riciclati

Schar

12 ricette senza glutine dall’antipasto al dolce

tuvali
seguici su Facebook