In Toscana il primo centro di medicina integrata all’interno di un ospedale

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Finalmente una buona notizia, almeno per chi come me ha scelto di curarsi con la medicina alternativa e si augura un giorno che tutti possano usufruire del sistema sanitario nazionale per prenotare visite e trattamenti a costi più accessibili.

Un piccolo ma grande passo avanti in questo senso è stato fatto dal Centro di Medicina Integrata dell’ospedale Petruccioli di Pitigliano (Gr) che, come dice il nome, prevede l’utilizzo della medicina ufficiale integrata con le medicine alternative riconosciute e regolamentate dalla Regione Toscana, ovvero omeopatia, agopuntura e fitoterapia.

Con le terapie complementari all’interno del centro si possono curare i più comuni e diffusi problemi respiratori, dermatologici, reumatici, allergici e gastrointestinali ma si sostengono anche i malati oncologici sottoposti a chemioterapia e i pazienti che riportano traumi dovuti a ictus o a problemi neurologici.

Al Petruccioli i pazienti possono scegliere di curarsi con le medicine alternative ricevendo gratuitamente i trattamenti se si trovano ricoverati in ospedale o pagando il ticket di 18.60 euro se invece ricorrono all’assistenza di uno dei 5 ambulatori dedicati alla medicina integrata. Le visite possono essere prenotare tramite CUP al numero 0564-483500.

All’interno del reparto di medicina integrata si fa anche ricerca e formazione. L’efficacia delle cure verrà monitorata per 2 anni e i risultati saranno poi divulgati e fatti conoscere al mondo scientifico con la speranza che si possa dare un ulteriore contributo alla definitiva consacrazione delle ‘terapie alternative‘ come rimedi validi ed efficaci a tutti gli effetti.

Ci auguriamo che esperienze come quelle dell’ospedale Petruccioli non rimangano casi isolati. La libertà di scelta è importante in ogni campo ma in fatto di salute credo sia un passo avanti che è ormai giunto il tempo di compiere…

Ps: per avere maggiori informazioni sul centro potete inviare una mail a [email protected].

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook