Il topinambur, questo sconosciuto!

Il topinambur è stato per me una vera e propria scoperta. A vederlo questo tubero non ispira molta fiducia ma dietro la sua apparenza poco invitante nasconde invece un ottimo sapore e tante proprietà utili al nostro organismo. Conosciuto anche come rapa tedesca, patata del Canada o carciofo di Gerusalemme, il topinambur è una pianta originaria del Nord America. I suoi fiori sono gialli e simili al girasole mentre la parte sotterranea, il vero e proprio tubero, assomiglia un po’ allo zenzero.

Una volta tolta la buccia, la polpa all’interno è bianca e ha un sapore abbastanza delicato che ricorda quello del carciofo. Si utilizza in cucina per fare risotti, guarnire insalate o pasta ma si può mangiare anche crudo, condito semplicemente con sale, olio e pepe. Se volete avere un po’ di idee su come usare il topinambur per creare ricette sfiziose potete fare un rapido giro sul web dove si trovano tante idee e spunti interessanti.

Ma vediamo ora quali sono le caratteristiche nutrizionali di questo tubero sconosciuto ai più. Innanzitutto il topinambur è ricchissimo di vitamine del gruppo A e B e di una fibra importantissima per il nostro organismo: l’Inulina che aiuta a riequilibrare la flora intestinale. Questo alimento è poi in grado di tenere sotto controllo la glicemia ed è quindi consigliato a chi soffre di diabete.

Anche chi vuole dimagrire o sta seguendo un regime alimentare disintossicante può inserire il topinambur nella propria dieta dato che questo tubero ha pochissime calorie e, grazie alla presenza di sali potassici, contrasta la ritenzione idrica. Altri sali minerali e oligoelementi presenti in buona quantità sono poi magnesio, ferro, fosforo, rame, selenio e zinco.

Non è facile trovare il topinambur nei normali supermercati ma spesso è disponibile da NaturaSì e in altri negozi di alimenti biologici. Il prezzo non è proprio popolare ma acquistandolo una volta ogni tanto non peserà troppo sulle vostre finanze. Se poi avete un terrazzo o un giardino e volete cimentarvi nella coltivazione, potete piantare il vostro topinambur. Godrete così di un doppio vantaggio: la vista dei suoi bellissimi fiori e il suo prezioso tubero. Fate però molta attenzione a circoscriverlo bene: è una pianta che diventa facilmente infestante!

Caffè Vergnano

Regali di Natale: un’idea personalizzata e green per la persona che ami

Florena Fermented Skincare

Cosmetici naturali fermentati: cosa sono e perché sono così efficaci per la cura del viso

Salugea

Come fare incetta di vitamina D in inverno per evitare una carenza

Hello Fish!

Preservare i nostri mari un passo alla volta, a partire dalla stagionalità del pesce

Seguici su Instagram
seguici su Facebook