Gli Ibis eremita arrivano ad Orbetello: la spettacolare migrazione guidata dall’uomo (FOTO e VIDEO)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Si è conclusa la seconda migrazione guidata dall’uomo degli Ibis eremita, una specie estinta in Europa allo stato selvatico da oltre 400 anni.

È stata proprio la preoccupazione di perdere questa specie animale che ha indotto i ricercatori a ideare uno stratagemma per insegnare nuovamente a questi uccelli la loro antica rotta migratoria. Il tentativo nato dalla collaborazione tra l’oasi WWF di Orbetello e l’associazione austriaca Waldrappteam è fortunatamente andato a buon fine ed è già la seconda volta.

Sono infatti arrivati nella laguna toscana, dove rimarranno per tutto l’inverno, i 28 Ibis eremita che hanno felicemente eseguito la migrazione controllata parte dell’innovativo progetto transnazionale UE Life+ ‘Reason for Hope’. Fondamentale per raggiungere questo obiettivo è stata anche la collaborazione con alcuni zoo europei che avevano esemplari di questa specie grazie ai quali sono state prodotte uova poi covate con delle incubatrici dai ricercatori.

I volontari si sono presi cura dei piccoli Ibis insegnandogli anche a volare grazie a degli speciali ultraleggeri a motore.

Gli Ibis eremita partiti il 22 agosto da Salisburgo attraversando le Alpi e la laguna veneta erano in realtà 31, due sono attualmente dispersi e uno, rimasto ferito durante la migrazione, è in una clinica specializzata.

Il progetto non finisce qui ma continuerà anche nei prossimi anni grazie ai finanziamenti ottenuti, inoltre già in autunno percorreranno la rotta ormai recuperata anche nuovi Ibis nati negli scorsi anni. Purtroppo però questi uccelli sono vittime del bracconaggio, a proposito Fabio Cianchi, Responsabile delle Oasi WWF della provincia di Grosseto ha dichiarato:

“Il problema è proprio legato al ritorno degli esemplari che hanno imparato la rotta migratoria e che tornano da soli perché il bracconaggio purtroppo ha letteralmente decimato il gruppo degli ibis negli anni scorsi. Grazie al GPS satellitare di cui sono muniti infatti, gli esemplari abbattuti sono stati tutti ritrovati. Per il WWF si tratta di un progetto pilota importante soprattutto per sperimentare, su animali nati in cattività, metodologie di reinserimento in natura il cui obiettivo è quello di salvare in qualche modo la specie dal baratro dell’estinzione. Ma il bracconaggio rischia di compromettere definitivamente il progetto”.

ibis

ibis4

ibis cianchi

ibis eremita

ibis3

Francesca Biagioli

Leggi anche:

IBIS EREMITA, TERMINATO L’INCREDIBILE VIAGGIO DELLA MIGRAZIONE AUTUNNALE (FOTO)

L’IBIS EREMITA RITORNA IN EUROPA DOPO 400 ANNI GRAZIE A UN VELIVOLO ULTRALEGGERO (VIDEO)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook