I prodotti macrobiotici giapponesi sono ancora sicuri dopo Fukushima?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Essendo un’assidua consumatrice di prodotti macrobiotici giapponesi e dato che, scrivendo di alimentazione naturale, molte persone mi hanno chiesto un parere rispetto alla sicurezza di questi cibi dopo l’incidente di Fukushima, ho deciso di scrivere a LA FINESTRA SUL CIELO, uno dei maggiori importatori di questi prodotti in Italia.

Ecco la risposta:

Buongiorno Francesca, le rispondiamo per darle rassicurazioni in merito alla sua richiesta. Il suo ragionamento è corretto poiché la radioattività permane nel tempo soprattutto nelle acque e secondariamente nel terreno. Tenga presente che ci sono delle precauzioni prese da esperti scienziati di tutto il mondo sul problema che si sono riuniti ed hanno stabilito di dover monitorare

continuamente il livello di esposizione di tutti i prodotti provenienti dal Giappone. Così hanno proceduto. I controlli partono già dal Giappone e si amplificano alle dogane di uscita dei prodotti fino a venire ricontrollati alle dogane di arrivo in tutti i porti in Europa.

Se il valore di radioattività è elevato, il prodotto viene bloccato e non fuoriesce dal Giappone stesso. Inoltre la nostra azienda svolge ulteriori controlli di verifica a rotazione sugli alimenti giapponesi. Le confermo che fino ad oggi da noi non abbiamo mai ricevuto un prodotto risultato positivo alla radioattività!

Pertanto stia assolutamente serena e rassicuri i lettori sul consumo dei nostri prodotti verificati e sicuri“.

Servizio Consumatori

LA FINESTRA SUL CIELO S.p.A.

www.lafinestrasulcielo.it

Il consumatore, putroppo, non ha attualmente altri strumenti per valutare la questione, a meno che qualcuno di voi abbia a disposizione un laboratorio e possieda le competenze per fare un’indagine privata (il problema è che poi sarebbe interessante farla anche su altri prodotti confezionati e credo verrebbero a galla comunque brutte sorprese!). Personalmente ritengo La finestra sul cielo un’azienda seria, mi fido e continuno ad acquistare i suoi prodotti, naturalmente ognuno è libero di fare le proprie scelte consapevoli!

Francesca

Seguite il mio blog anche su Facebook, iscrivetevi alla pagina NaturoMania!

Twitter: NaturoManiaBlog

Se volete contattarmi in privato: blog.naturomania@gmail.com

Leggi anche:

Alga Kombu: proprieta’ e utilizzi

Cucina macrobiotica: il Miso

Umeboshi: le portentose prugne giapponesi

Te’ bancha: una bevanda povera di teina ma ricca di vitamina A, calcio e ferro

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook