Bulgur: dall’Oriente un alimento antico e ricco di fibre

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Ho scoperto da poco l’esistenza del bulgur (o boulgur), l’ho acquistato in uno dei miei negozi bio di fiducia perché mi ha ispirato la confezione e soprattutto mi hanno attirato quei chicchi strani, una via di mezzo tra riso spezzettato male e cous cous più grande. Una volta assaggiato…bhè mi sono chiesta come ho fatto fino ad oggi a vivere senza!!!

Il bulgur altro non è che frumento integrale ricavato dal grano (generalmente duro) e sottoposto ad un procedimento particolare: i chicchi germogliati sono prima cotti a vapore, poi fatti seccare e infine macinati fino a formare dei piccoli pezzetti simili a chicchi di riso rotti! Esiste anche il bulgur crudo ma è più difficile da trovare. Questo alimento è molto utilizzato nei paesi orientali (soprattutto in Turchia) e vanta un’antica tradizione dato che era apprezzato fin dai tempi dei Babilonesi e lo mangiavano addirittura le armate di Gengis Kan.

Il bulgur, proprio come il frumento integrale, è un ottima fonte di fibre, vitamine del gruppo B tra cui folati, potassio e fosforo. Come tutti i cereali integrali ha poi il vantaggio di tenere bene la fame.

Come cuocerlo

Sulla confezione di bulgur che ho c’è scritto “Modo d’uso: cuocere per circa 10 minuti in acqua salata. Quantità d’acqua: pari al doppio del volume del boulgur“. In realtà tante persone utilizzano un altro sistema dato che il bulgur, essendo precotto a vapore, non necessita di un’ulteriore vera e propria cottura, basta metterlo in un padellino in cui si verserà acqua bollente (2 volte la quantità di bulgur) e aspettare poi 20/30 minuti che si assorba tutta prima di consumarlo.

E’ buonissimo sia caldo che freddo con verdure di stagione…(io l’ho provato con carciofi e curcuma) ma è perfetto anche nelle minestre, per fare sformati e chi più ne ha più ne metta…le possibili ricette sono tantissime!

Dove trovarlo

Non troverete mai il bulgur nei tradizionali supermercati ma solo in quelli bio, nelle erboristerie ben fornite e nei negozi etnici. In altre parti d’Europa invece, grazie forse ad una maggiore presenza di stranieri, è facile trovare il bulgur anche al normale supermercato.

Provatelo! e se avete qualche ricetta da condividere fatelo nello spazio commenti in basso 😉

Francesca

Seguite il mio blog anche su Facebook, iscrivetevi alla pagina NaturoMania !

Twitter: NaturoManiaBlog

Se volete contattarmi in privato: [email protected]

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
eBay

Come scegliere il gazebo perfetto

eBay

Moda circolare: vendi le cose che non metti e adotta un comportamento sostenibile

NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook