Azuki: piccoli, preziosi fagioli depurativi e ricchi di ferro

azuki

I fagioli Azuki sono piccoli, di color rosso scuro e c'è chi per questo, impropriamente, li chiama la soia rossa anche se con il più noto legume non hanno nulla a che vedere. Un altro soprannome degli Azuki è "Il re dei fagioli", decisamente più azzeccato considerando le ottime proprietà nutrizionali di questo alimento.

In effetti i piccoli fagioli rossi sono preziosi alleati della nostra salute e il loro consumo in Giappone è di millenaria tradizione. In Italia non sono molto conosciuti ma il loro consumo è in aumento grazie all'interesse sempre più crescente verso la cucina macrobiotica e in generale verso i prodotti provenienti dal Giappone e dall'Oriente.

Ma scopriamone ora le proprietà che li rendono tanto utili per il nostro organismo. Innanzitutto gli Azuki contengono minerali ed oligoelementi come potassio, zinco, molibdeno e ferro. Quest'ultimo è particolarmente prezioso per chi soffre di anemia e per tutte le persone che, per qualche motivo, ne sono potenzialmente in carenza, come ad esempio vegetariani e vegani.

I fagioli Azuki sono poi naturalmente ricchi di vitamine del gruppo B (tra cui acido folico), fibre e proteine. Aiutano la formazione di enzimi utili al fegato e hanno proprietà depurative e diuretiche, dunque sono anche alleati dei nostri reni.

Questi piccoli fagioli sono buoni, facilmente digeribili, poveri di grassi e inoltre contengono isoflavoni, sostanze in grado di mantenere in buona salute il nostro sistema immmunitario, il cervello e le ossa.

Se volete provare gli Azuki non vi aspettate di scendere al supermercato sotto casa e di trovarli disponibili. Recatevi invece al più vicino negozio di alimentazione naturale e biologica dove, con grande probabilità, troverete il vostro pacchetto di fagioli rossi secchi che vi aspetta (ci sono anche quelli in scatola già pronti). Personalmente preferisco comprare quelli coltivati in Italia, dato che ci sono, anche se costano un po' di più.

Come prepararli e consumarli
Innanzitutto lasciate in ammollo gli Azuki con un pezzettino di Alga Kombu (così vuole la tradizione giapponese) per almeno 6/8 ore e poi scolate. Non buttate l'acqua di cottura: la macrobiotica suggerisce infatti di berla dato che è ricca di sali minerali e vitamine, se non ce la fate perché il gusto non è di vostro gradimento (io ad esempio non ce la faccio!!!) potete sempre farla raffreddare e poi utilizzarla per innaffiare le piante. Procedete infine alla cottura che deve essere fatta in acqua bollente (senza sale) insieme al pezzettino di alga che avete messo nell'ammollo. Il tempo necessario è di mezzora, quaranta minuti circa. A questo punto potete utilizzarli per realizzare una zuppa, unirli a riso o ad altri cereali, preparare qualche insalata, polpettine o ancora assaporarli così come sono con poco olio e sale o salsa di soya. Dato il loro sapore dolciastro, in Giappone gli Azuki sono molto utilizzati anche per fare dolci e marmellate, sul web si trovano diverse ricette, se volete cimentarvi...

Alla prossima

Francesca

Seguite il mio blog anche su Facebook, iscrivetevi alla pagina NaturoMania!
Twitter: NaturoManiaBlog

Leggi anche:

- Cucina macrobiotica: il Miso

Alga Kombu: proprieta' e utilizzi 

Umeboshi: le portentose prugne giapponesi

Vota:
Le 10 case più green del pianeta
Transizione, ma da cosa?
 

Commenti 6

Ospite - lara il Lunedì, 06 Maggio 2013 11:28
attenzione, acqua di cottura

..se la date alle PIANTE..fatelo SOLO SE N-O-N AVETE AGGIUNTO IL SALE!!
per qualcuno sarà scontato ma .... per altri no!
Per il resto....grazie per l'articolo e ..Buon appetito!!

1
..se la date alle PIANTE..fatelo SOLO SE N-O-N AVETE AGGIUNTO IL SALE!! per qualcuno sarà scontato ma .... per altri no! ;) Per il resto....grazie per l'articolo e ..Buon appetito!!
NaturoMania il Martedì, 07 Maggio 2013 08:30
grazie della giusta precisazione

ed infatti avevo scritto di cuocerli senza sale!

0
ed infatti avevo scritto di cuocerli senza sale! :D
Ospite - mmaddalena il Lunedì, 17 Novembre 2014 17:34
cottura

grazie per le info. ma sul sacchetto e in altri siti ho letto che deve cuocere per 90 minuti.. e che si mette in acqua fredda.
come mai?
grazie mille

0
grazie per le info. ma sul sacchetto e in altri siti ho letto che deve cuocere per 90 minuti.. e che si mette in acqua fredda. come mai? grazie mille
NaturoMania il Venerdì, 21 Novembre 2014 09:54

Si hai ragione, in realtà si possono cuocere in diversi modi, io ho scritto quello che utilizzo più frequentemente. C'è anche chi usa la pentola a pressione. Però voglio andare a rivedere sul libro di cucina macrobiotica come viene "ufficialmente" consigliato di cucinarli così da aggiungerlo all'articolo! grazie per lo spunto

0
Si hai ragione, in realtà si possono cuocere in diversi modi, io ho scritto quello che utilizzo più frequentemente. C'è anche chi usa la pentola a pressione. Però voglio andare a rivedere sul libro di cucina macrobiotica come viene "ufficialmente" consigliato di cucinarli così da aggiungerlo all'articolo! grazie per lo spunto :)
Ospite - Pinuccia il Sabato, 21 Marzo 2015 17:27
Coltivazione fagioli azuki

Potrei coltivare i fagioli azuki nel mio orto?
Avrei la possibilità di seminarli in Piemonte sia in pianura che a 700 m di altitudine.
Se la risposta è sì, a chi mi devo rivolgere per trovare gli azuki da semina?

0
Potrei coltivare i fagioli azuki nel mio orto? Avrei la possibilità di seminarli in Piemonte sia in pianura che a 700 m di altitudine. Se la risposta è sì, a chi mi devo rivolgere per trovare gli azuki da semina?
Ospite - federica il Lunedì, 09 Novembre 2015 23:09

Oggi i fagioli azuki sono stati l'ingrediente miracoloso nella mia zuppa con lenticchie e orzo perlato insieme a cavolo viola,carote,porro e pomodoro secco (della nonna)!!!una delizia che suppongo di gustare ancora meglio domani...

0
Oggi i fagioli azuki sono stati l'ingrediente miracoloso nella mia zuppa con lenticchie e orzo perlato insieme a cavolo viola,carote,porro e pomodoro secco (della nonna)!!!una delizia che suppongo di gustare ancora meglio domani...
Già registrato? Login qui
Ospite
Lunedì, 26 Giugno 2017