Naturomania

Cucina macrobiotica: il Miso

immagine

Avete mai sentito parlare del Miso? Si tratta di un alimento fermentato, un insaporitore molto particolare che fa parte della cucina macrobiotica.

E' un prodotto che può essere paragonato in qualche modo al dado da cucina. C’è da dire però che, a differenza del comune dado, il Miso ha molte proprietà benefiche in più dovute proprio alla lunga fermentazione (anni) a cui è sottoposto.

Innanzitutto è un potente alcalinizzante del sangue, inoltre, grazie alla presenza di molti enzimi, è utile a migliorare la digestione, regolare le funzioni intestinali e rafforzare il sistema immunitario. Ma le sue proprietà non finiscono qui… è ricco di vitamine del gruppo B, sali minerali, lecitina e acido linoleico (sostanze che contrastano il colesterolo) e soprattutto contiene proteine di facile assimilazione. È quindi un alimento consigliato a tutti (ad eccezione degli ipertesi data la presenza del sale) ma in particolare a vegetariani e vegani.

Ci sono diverse tipologie di miso a seconda del cereale utilizzato (orzo o riso) ma ne esiste uno anche senza cereali, a base di sola soia. In qualunque caso, comunque, essendo un alimento fermentato e ricco di sale, non bisogna eccedere nell'utilizzo, la quantità raccomandata è un cucchiaino al giorno (dose da ridurre un po’ in estate).

Una raccomandazione molto importante è poi quella di non bollirlo per non fargli perdere le proprietà, ricordate quindi di aggiungere il miso sempre a fine cottura.

Se volete acquistare il Miso recatevi nei negozi di alimentazione biologica o in quelli specializzati in macrobiotica.

Vi lascio con la ricetta tradizionale della zuppa di Miso, tratta da Noboru B. Muramoto "Il medico di se stesso - Manuale pratico di medicina orientale" ed. Feltrinelli,un libro che consiglio a tutti coloro che vogliono avvicinarsi al mondo della medicina orientale e della Macrobiotica.

ZUPPA DI MISO

Ingredienti:

1 litro d’acqua
2 carote (o altre radici come daikon, ravanelli, rapa ecc)
1 cipolla
3 foglie verdi (verza, cavolo cappuccio, foglie di daikon, ravanello, rapa, cavolfiore ecc.)
2 cm di alga wakame
2 cucchiaini di miso di orzo o di riso

Preparazione:

Sciacquate velocemente un pezzetto di alga wakame e mettetela a bagno in poca acqua fredda, poi lavate e tagliate le verdure scelte. Tagliate a pezzetti l’alga wakame, che nel frattempo si è ammorbidita e gonfiata. Mettete l’acqua e le verdure tagliate in una pentola d’acciaio inossidabile. Lasciate cuocere la zuppa per 15 minuti (il tempo può variare a seconda del tipo e della grandezza delle verdure). Alla fine della cottura aggiungete il miso, che non dovrebbe essere cotto per non perdere le sue proprietà.

Alla prossima...

Francesca

Foto: ourcosyhome.ru

Seguite il mio blog anche su Facebook, iscrivetevi alla pagina NaturoMania !

tuvali 320 a

TuVali

+ di 130 corsi online su Salute e Benessere, a partire da 5€ su TuVali.it

donnapop

Segui DonnaPOP

Il magazine femminile che trascina nell'arena i trend del momento!

Paesaggi della Terra, arte astratta
Nove cibi "senza" data di scadenza
 

Commenti 2

Ospite - sofy il 01 02 2017
Data di scadenza

Ciao! Bellissimo articolo, molto interessante
Ho una domanda sul miso...in frigo ho un barattolo di miso scaduto, si può consumare ugualmente? Ho letto pareri contrastanti in merito, c'è chi dice che non scade mai perché si "stagiona" e chi invece lo butterebbe...lei cosa consiglia?

0
Ciao! Bellissimo articolo, molto interessante:) Ho una domanda sul miso...in frigo ho un barattolo di miso scaduto, si può consumare ugualmente? Ho letto pareri contrastanti in merito, c'è chi dice che non scade mai perché si "stagiona" e chi invece lo butterebbe...lei cosa consiglia?
Ospite - Anna il 23 03 2017
Miso scaduto

Anche io ho del miso di riso bio, aperto e tenuto sempre in frigo.
Risulta scaduto dal 2014 e oggi l'ho messo nella zuppa.
Spero di non morire ? ma l'ho consumato perchè ha esattamente lo stesso odore, sapore e consistenza di quando l'ho aperto e mi sono fidata. Ho mangiato un'ora fa, sto ancora bene ?
Comunque la domanda è la stessa, devo buttarlo o invece tenerlo?

0
Anche io ho del miso di riso bio, aperto e tenuto sempre in frigo. Risulta scaduto dal 2014 e oggi l'ho messo nella zuppa. Spero di non morire ? ma l'ho consumato perchè ha esattamente lo stesso odore, sapore e consistenza di quando l'ho aperto e mi sono fidata. Ho mangiato un'ora fa, sto ancora bene ? Comunque la domanda è la stessa, devo buttarlo o invece tenerlo?
Già registrato? Login qui
Ospite
Martedì, 19 Febbraio 2019
sai cosa compri
dieta
integratori
lievito madre
oli essenziali
ricette
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
seguici su facebook
corsi pagamento
whatsapp gratis
seguici su instagram