Gomasio: dalla cucina giapponese un'ottima alternativa al classico sale


Di sale, si sa, non bisogna abusarne e in questo la cucina giapponese può aiutarci… Tra le varie alternative che i nipponici utilizzano per condire verdure e pietanze c’è il gomasio, un alimento semplice, composto solo da semi di sesamo biologici e sale marino integrale ma ricchissimo di proprietà. Non a caso fa parte a pieno titolo della tradizionale cucina macrobiotica.



Starete pensando: “ma allora il sale c’è ugualmente”… sì in effetti c’è ma in percentuale molto bassa. La classica ricetta del Gomasio prevede infatti per 7 cucchiai di sesamo 1 solo cucchiaio di sale, si possono poi variare le proporzioni a seconda dei gusti e delle esigenze ad esempio miscelando 10 parti di sesamo e una di sale  fino a un rapporto di 20 o 25 a 1.

Nei negozi di alimentazione naturale e macrobiotica troverete il gomasio già pronto in bustine o barattoli di vetro ma è possibile autoprodurlo con facilità anche a casa propria con il doppio vantaggio di risparmiare e avere un prodotto sempre fresco!

Bisogna lavare e asciugare bene il sesamo per poi tostarlo leggermente in forno o in padella a fuoco lento (stando attenti a non esagerare sennò il sapore risulterà amaro) miscelarlo insieme al sale (anch’esso leggermente tostato per togliere l’umidità) e infine triturare il tutto utilizzando un mortaio di terracotta e un pestello di legno. Non li avete? Niente paura…modernizzate la ricetta utilizzando un minipimer o un frullatore! ;-)
Una volta pronto, il gomasio fatto in casa può essere conservato in frigorifero ben chiuso in un barattolo di vetro per un settimana circa.

Questo semplicissimo condimento a base di goma (sesamo) e shio (sale) può essere utilizzato a crudo per condire insalate e verdura ma anche riso, pasta o altro. Sbizzarrite la vostra fantasia dato che il sapore è ottimo! Attenzione però a non esagerare: i semi di sesamo sono abbastanza calorici!

Ma veniamo ora alle proprietà del gomasio che è un condimento genuino e ricchissimo di nutrienti importanti per il nostro organismo. Da una parte la piccola quantità di sale marino integrale fornisce oligoelementi fondamentali come iodio, magnesio, rame e zinco mentre i semi di sesamo sono ricchissimi di calcio, proteine e vitamine (in particolare D ed E). Tutte sostanze che aiutano il sistema nervoso e sono quindi particolarmente indicate in caso di esaurimento o affaticamento ma anche per chi soffre di osteoporosi.

Inoltre il gomasio aiuta a regolarizzare l’intestino e migliorare le funzioni epatiche, ha un effetto antinausea, controlla i livelli di colesterolo nel sangue, contribuisce ad alleviare i dolori in genere e può essere utilizzato in caso di ipertensione o problemi ai reni. Potenzia anche le difese immunitarie!

Che aspettate ad aggiungere un pizzico di gomasio alla vostra vita? :-)

Francesca

Seguite il mio blog anche su Facebook, iscrivetevi alla pagina NaturoMania !
Twitter: NaturoManiaBlog

Vota:
Vivisezione e false verita': ecco cosa fare per di...
Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti 201...
 

Commenti 5

[...] sottoposto arriva sulle nostre tavole ormai privo dei suoi preziosi minerali e oligoelementi. Come alternativa esiste il sale marino integrale ma oggi voglio parlarvi di un’altra possibilità ancora: il sale [...]

0
[...] sottoposto arriva sulle nostre tavole ormai privo dei suoi preziosi minerali e oligoelementi. Come alternativa esiste il sale marino integrale ma oggi voglio parlarvi di un’altra possibilità ancora: il sale [...]
Ospite - Daniele il Mercoledì, 08 Agosto 2012 02:53

Interessanti le proprietà del Gomasio, ma non è corretto metterle in relazione al titolo dell'articolo come alternativa al sale.

0
Interessanti le proprietà del Gomasio, ma non è corretto metterle in relazione al titolo dell'articolo come alternativa al sale.
Ospite - Francesca il Giovedì, 09 Agosto 2012 17:30

Si hai ragione... però all'interno dell'articolo ho puntualizzato che si tratta di un condimento che contiene una piccola percentuale di sale...molto bassa per la verità, soprattutto se si ha la possibilità di autoprodurlo a casa!

0
Si hai ragione... però all'interno dell'articolo ho puntualizzato che si tratta di un condimento che contiene una piccola percentuale di sale...molto bassa per la verità, soprattutto se si ha la possibilità di autoprodurlo a casa!

[...] Esistono fortunatamente delle alternative al comune sale da cucina, sia fino che grosso, che sono rappresentate dal sale marino integrale e dal sale rosa dellHimalaya, ormai reperibili sia nei negozi di prodotti naturali che, con un po di fortuna anche al supermercato. La variante integrale garantisce la presenza di magnesio, rame ferro, iodio ed altri sali minerali. Altri sostituti possibili per il sale da utilizzare per insaporire le pietanze sono le spezie e le erbe aromatiche, come zenzero, noce moscata, pepe, peperoncino, erba cipollina, rosmarino e origano. E non dimentichiamo come alternativa completamente naturale che arriva dalla cucina giapponese il gomasio, ricavato dai semi di sesemo biologici. [...]

0
[...] Esistono fortunatamente delle alternative al comune sale da cucina, sia fino che grosso, che sono rappresentate dal sale marino integrale e dal sale rosa dellHimalaya, ormai reperibili sia nei negozi di prodotti naturali che, con un po di fortuna anche al supermercato. La variante integrale garantisce la presenza di magnesio, rame ferro, iodio ed altri sali minerali. Altri sostituti possibili per il sale da utilizzare per insaporire le pietanze sono le spezie e le erbe aromatiche, come zenzero, noce moscata, pepe, peperoncino, erba cipollina, rosmarino e origano. E non dimentichiamo come alternativa completamente naturale che arriva dalla cucina giapponese il gomasio, ricavato dai semi di sesemo biologici. [...]
Ospite - lamariluccia il Mercoledì, 17 Luglio 2013 19:49
se non volete il sale...

... usate il lievito secco! Insaporisce allo stesso modo ed eviterete così anche la minima percentuale di sale. Io lo uso da molto tempo ormai e ne sono ghiotta!

0
... usate il lievito secco! Insaporisce allo stesso modo ed eviterete così anche la minima percentuale di sale. Io lo uso da molto tempo ormai e ne sono ghiotta!
Già registrato? Login qui
Ospite
Lunedì, 25 Settembre 2017