Naturomania

Esercizi di Kegel: la ginnastica pelvica per la gravidanza e il benessere intimo e sessuale anche maschile

b2ap3_thumbnail_esercizi_kegel.jpg

Perineo o pavimento pelvico, questo sconosciuto. Spesso solo le donne in dolce attesa vengono informate dell'esistenza di questa parte del corpo, per l'esattezza di quella zona tra il pube e il coccige fatta di muscoli e legamenti che rivestono un'importanza fondamentale al momento del parto ma che in realtà sono essenziali sempre per la salute intima non solo delle donne ma anche degli uomini.

Il pavimento pelvico serve a sostenere parti importanti del corpo come vescica, uretra, ano, intestino e per quanto riguarda la donna anche l'utero. Da qui evidente l'importanza di mantenere allenata questa zona del corpo nel corso della gravidanza per far sì che sia pronta ed elastica al momento del parto.

I benefici però non si fermano a questo. Un pavimento pelvico allenato significa anche migliorare la gestione delle proprie zone intime durante i rapporti sessuali, non è un caso che spesso esercizi per il perineo vengano consigliati anche agli uomini che accusano problemi di erezione o eiaculazione precoce. Il più delle volte infine si ottengono ottimi risultati con la ginnastica pelvica in chi soffre di perdite urinarie e incontinenza.

COME FARE GLI ESERCIZI DI KEGEL

Il dottor Arnold Kegel ha ideato dei semplicissimi esercizi che si possono fare in qualunque momento della giornata e in qualunque posizione per mantenere allenata questa zona del corpo. Si tratta semplicemente di contrarre il pavimento pelvico, ovvero stringere e trattenere i muscoli del perineo per circa 5-10 secondi (se si trova difficoltà si può iniziare trattenendo per un tempo minore) e poi rilasciare per altri 5-10 secondi, ripetendo l'esercizio a serie di 10 ripetizioni per 2/3 volte nel corso della giornata.

Per capire qual è il punto esatto da contrarre potete fare una semplice prova mentre fate pipi interrompendo per un attimo la minzione. Ecco la contrazione e i muscoli di cui stiamo parlando sono proprio quelli. A questo proposito è importante sapere che gli esercizi di Kegel non vanno fatti mai con la vescica piena, ma sempre dopo averla svuotata. Si evita in questo modo che eventuali batteri presenti possano ristagnare e far comparire la cistite.

Quando si fanno gli esercizi bisogna fare attenzione anche a non contrarre la zona dello stomaco e a non andare in apnea. Si tratta di errori all'inizio abbastanza frequenti ma da correggere subito in modo da poter ottenere il massimo dei benefici una volta imparato a fare gli esercizi correttamente.

Per avere buoni risultati è importante essere costanti, gli esercizi vanno fatti ogni giorno per un periodo di almeno un mese ma sarebbe meglio continuare più a lungo.

Chi li ha provati in gravidanza o in altre circostanze può raccontarci la sua esperienza nei commenti in basso!

Alla prossima

Francesca

Francesca

Seguite il mio blog anche su Facebook, iscrivetevi alla pagina NaturoMania !

Twitter: NaturoManiaBlog

germinal bio

Germinal Bio

Germinal Bio contribuisce a rigenerare i boschi veneti colpiti dalla tromba d'aria

hcs320

Eivavie

Come depurare l'acqua del rubinetto con i filtri in ceramica

10 opere che mostrano perché Banksy è il portavoce...
Rafano e Wasabi: cosa sono?
 

Commenti 16

Ospite - elisa il 12 11 2014
funionano

ho 46 anni e qualche tempo fa mi sono accorta che starnutendo o tossendo forte mi capitava di non riuscire a trattenere qualche goccia di urina.
un po' presto x diventare incontinente.....
facendo gli esercizi regolarmente il problema è scomparso

0
ho 46 anni e qualche tempo fa mi sono accorta che starnutendo o tossendo forte mi capitava di non riuscire a trattenere qualche goccia di urina. un po' presto x diventare incontinente..... facendo gli esercizi regolarmente il problema è scomparso :D
NaturoMania il 13 11 2014

Grazie per averci raccontato la tua esperienza! può essere d'aiuto a qualcun altro...

0
Grazie per averci raccontato la tua esperienza! :) può essere d'aiuto a qualcun altro...
Ospite - VALERIO FAIANI il 14 11 2014
funzionano anche per noi maschi

Anche per noi uomini può funzionare, sono un quarantenne che stà usando questi esercizi per irrobustire il pavimento pelvico danneggiato da una prostatite molto aggressiva, ed onestamente stà funzionando...continuiamo e speriamo. un saluto

0
Anche per noi uomini può funzionare, sono un quarantenne che stà usando questi esercizi per irrobustire il pavimento pelvico danneggiato da una prostatite molto aggressiva, ed onestamente stà funzionando...continuiamo e speriamo. un saluto
NaturoMania il 17 11 2014

Grazie del tuo commento!

0
Grazie del tuo commento! :)
Ospite - Roberto Pinzi il 14 11 2014
miracolosi per le signore, ma ottimi anche per noi maschietti

Nessuno ci spiega quanto sia fondamentale una buona tonicità del pavimento pelvico, non solo per le varie disfunzioni che possono colpire localmente, a livello sessuale, urinario o rettale, ma per tutto il sistema vascolare di ritorno. Un tipico esempio sono le cosiddette gambe pesanti. Un pavimento pelvico tonificato e irrobustito migliora decisamente la risalita del sangue venoso, con conseguenti benefici per tutto l'organismo.
Già che siamo in zona di "pudenda", suggerisco a tutti di documentarsi anche sulla tecnica dei bagni derivativi ed eventualmente di associarla quotidianamente alla pratica Kegel. Benefici assicurati.

0
Nessuno ci spiega quanto sia fondamentale una buona tonicità del pavimento pelvico, non solo per le varie disfunzioni che possono colpire localmente, a livello sessuale, urinario o rettale, ma per tutto il sistema vascolare di ritorno. Un tipico esempio sono le cosiddette gambe pesanti. Un pavimento pelvico tonificato e irrobustito migliora decisamente la risalita del sangue venoso, con conseguenti benefici per tutto l'organismo. Già che siamo in zona di "pudenda", suggerisco a tutti di documentarsi anche sulla tecnica dei bagni derivativi ed eventualmente di associarla quotidianamente alla pratica Kegel. Benefici assicurati.
NaturoMania il 17 11 2014

Grazie Roberto delle tue precisazioni!

0
Grazie Roberto delle tue precisazioni! :)
Ospite - StefY il 15 11 2014
YOGA questo sconosciuto

Pratico la ritenzione della muscolatura del perineo regolarmente da quanto 35 anni fa ho iniziato a fare Hatha Yoga non sapevo fossero esercizi Kengel !?

0
Pratico la ritenzione della muscolatura del perineo regolarmente da quanto 35 anni fa ho iniziato a fare Hatha Yoga non sapevo fossero esercizi Kengel !? ;)
Ospite - leslie il 16 11 2014

penso che Kengel si sia ispirato allo Yoga, le cui origini risalgono al II secolo a.C. la contrazione del perineo rientra nei bandha o siglli, ed è una pratica fondamentale nello Yoga

1
penso che Kengel si sia ispirato allo Yoga, le cui origini risalgono al II secolo a.C. la contrazione del perineo rientra nei bandha o siglli, ed è una pratica fondamentale nello Yoga
NaturoMania il 17 11 2014

Hai ragione Stefy anche nello yoga Kundalini (ma penso un po' in tutte le varie tipologie) si pratica la contrazione di questa zona, associata però spesso anche a quella dell'ombelico e della gola, a volte anche trattenendo il respiro. Qua è leggermente modificato e, soprattutto se si praticano in gravidanza, l'ombelico non va assolutamente contratto.

0
Hai ragione Stefy anche nello yoga Kundalini (ma penso un po' in tutte le varie tipologie) si pratica la contrazione di questa zona, associata però spesso anche a quella dell'ombelico e della gola, a volte anche trattenendo il respiro. Qua è leggermente modificato e, soprattutto se si praticano in gravidanza, l'ombelico non va assolutamente contratto.
NaturoMania il 17 11 2014

Si probabilmente sì...

0
Si probabilmente sì... :)
Già registrato? Login qui
Ospite
Domenica, 26 Maggio 2019
corsi pagamento
seguici su facebook