Oli essenziali contro l’insonnia: quali sono e come utilizzarli

b2ap3_thumbnail_insonnia_oli_essenziali.jpg

Torniamo a parlare di oli essenziali ma, dopo aver visto i più adatti in caso di raffreddore o influenza, conosciamo ora meglio quelli più indicati per chi soffre di insonnia, problemi ad addormentarsi, risvegli notturni, ecc. Insomma gli oli che, viste le proprietà rilassanti, sono in grado di conciliare un buon sonno creando la giusta atmosfera in camera da letto.

Ecco quali sono i più efficaci:

 

LAVANDA

La lavanda è un olio essenziale molto versatile ma tra le sue caratteristiche principali c'è proprio quella rilassante. La sua efficacia antinsonnia è stata provata da uno studio di qualche anno fa in cui si è notato come le persone (donne e uomini indifferentemente) dormivano meglio se prima di andare a letto avevano utilizzato un po’ di olio essenziale di lavanda. Il profumo intenso di questo fiore non solo contribuisce ad un sonno più profondo ma è anche in grado di assicurare un risveglio migliore e di conseguenza più energia durante la giornata. 

MANDARINO o ARANCIO

Altro olio essenziale ottimo in caso di distrubi del sonno è quello di mandarino o in alternativa quello di arancio. Queste essenze sono particolarmente efficaci per chi fa fatica ad addormentarsi, dunque per chi ha problemi nella fase iniziale del sonno. In particolare il mandarino è un olio essenziale molto delicato che si può usare anche per i bambini (sopra i 3 anni) che fanno fatica a dormire, e in tutti i casi in cui il problema del sonno è legato a stanchezza mentale o stress.  

CAMOMILLA

Anche l’olio essenziale di camomilla, poiché molto delicato, è perfetto da utilizzare per i bambini e ottimo per tutte quelle persone che una volta entrate nel letto tendono a “rimuginare” su quanto accaduto durante la giornata.  Il suo effetto sedativo e calmante può essere utile anche alle persone che, forse a causa dello scarso sonno, soffrono di emicrania o che somatizzano molto a causa dello stress.

GELSOMINO

Da questo fiore si estrae un olio essenziale molto amato e particolarmente utile per le sue doti calmanti e rilassanti. I suoi effetti sul sistema nervoso sono appunto distensivi e per questo è indicato anche in caso di insonnia e disturbi del sonno soprattutto se accompagnati da una sensazione di ansiaUno studio ha confermato gli effetti benefici dell’inalazione di gelsomino prima di andare a dormire: il suo profumo è in grado di garantire un buon sonno, la mattina così ci si sveglia riposati e in forma! 

Altri oli essenziali che migliorano la qualità del sonno, di cui si possono apprezzare i benefici sono il bergamotto, la maggiorana e la vaniglia.

COME UTILIZZARLI

Ci sono diverse possibilità per utilizzare gli oli essenziali in modo da conciliare il sonno: si possono spargere su cuscino e lenzuola 2 o 3 gocce dell’olio preferito, oppure versare lo stesso quantitativo di gocce su un fazzoletto da posizionare sul comodino o vicino al cuscino. Si può fare un bagno rilassante poco prima di coricarsi unendo ad un cucchiaio di sale 6 gocce dell’olio essenziale prescelto o un mix di quelli consigliati.

Anche farsi (o farsi fare) un bel massaggio rilassante prima di andare a dormire è un buon metodo per conciliare il sonno. In questo caso gli oli vanno diluiti utilizzando 20 ml (circa 4 cucchiaini) di olio vettore (ad esempio olio di mandorle dolci) a cui unire 8-10 gocce di un olio essenziale specifico o di una combinazione di oli. Infine soluzione molto pratica è quella di procurarsi un diffusore e accenderlo in camera dopo aver inserito gli oli prescelti poco prima di andare a dormire. In questo caso occorre una goccia di olio essenziale per ogni metro quadrato di cui è composta la vostra camera da letto.

Auguro a tutti voi uno splendido e profumato riposo!

Alla prossima

Francesca

Seguite il mio blog anche su Facebook, iscrivetevi alla pagina NaturoMania !
Twitter: NaturoManiaBlog

Leggi anche:

Insonnia: 10 ricette e rimedi che aiutano a dormire

Vota:
Di meraviglie inesplorate. A due passi da casa.
L’oro degli Inca: la Lucuma. Cos’è, proprietà e co...
 

Commenti

Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento
Già registrato? Login qui
Ospite
Giovedì, 23 Novembre 2017