Nasce Halftree, un progetto a sostegno degli alberi da frutta

torta-della-nonna

In un grigio sabato romano mi sono cimentata nella realizzazione di una torta della nonna in versione vegan che propongo anche a voi. Può essere utile tra l'altro agli allergici o intolleranti a latte e/o uova che non possono più mangiare la versione originale di questa torta a base di pasta frolla, crema e pinoli!

Prepararla è abbastanza semplice. Ecco come ho fatto:

PASTA FROLLA

Per prima cosa occorre preparare la pasta frolla, per realizzarla ho seguito la ricetta di Simone Salvini contenuta nel libro “I dolci della salute” a cui ho fatto una piccola modifica:

300 grammi di farina tipo 2 (nella ricetta originale sono 150 gr. di farina 0 e 150 gr. di farina integrale)
50 grammi di fioretto di mais
75 grammi di olio di mais
150 g di malto di riso oppure d’orzo
½ bustina di cremor tartaro
1 scorza di limone tritata finemente

pasta-frolla-vegan

Come avrete notato questa pasta frolla si realizza senza zucchero, il malto o lo sciroppo di riso dolcificano altrettanto bene, ma se volete comunque utilizzare lo zucchero di canna perché vi è più comodo o lo avete già in casa basta pesarne circa 120 gr.

Vediamo come preparare la pasta frolla: da un parte miscelate insieme tutti gli ingredienti secchi, dall’altra invece olio e malto. A questo punto unite insieme il tutto e impastate per alcuni minuti fino a che la consistenza non diventa abbastanza compatta e uniforme (se vi sembra che non si amalgami bene o che rimanga troppo asciutta potete aggiungere anche un goccio di latte vegetale). Formate poi una palla, ricopritela con della pellicola e lasciatela riposare per circa un’ora a temperatura ambiente. Trascorso il tempo con l’aiuto di un mattarello stendetela fino a che non raggiunga lo spessore di qualche millimetro. Ungete una teglia rotonda di 24-28 cm (dipende da quanto la stendete fina), trasferiteci sopra la pasta e lasciatene un pochino da parte per creare il cordoncino intorno alla crostata. Con una forchetta forate la base e poi infornate a 175° per 10-15 minuti (a seconda del forno). Lasciatela infine raffreddare prima di farcirla.

LA CREMA
Per realizzare la crema ho seguito la ricetta della crostata di frutta vegan che trovate qui sempre con qualche modifica:

300 grammi latte di riso (o soia)
1 cucchiaio di malto o sciroppo di riso o orzo (in alternativa 60 gr di zucchero integrale di canna)
2 cucchiai di fecola di patate
Scorza di 1 limone
Un pizzico di zafferano

crema-vegan

Per prepararla basta unire fecola e malto (o zucchero) in un pentolino messo sul fuoco basso e aggiungere piano piano il latte e la scorza di limone, mescolando con un cucchiaio di legno fino a che, dopo essere arrivata ad ebollizione, la crema non raggiunge la densità desiderata (attenzione a non creare grumi). A questo punto ho aggiunto un pizzico di zafferano per rendere la crema un po’ più gialla. Una volta pronta prima di farcire lasciatela raffreddare.

Non resta ora che unire la crema alla base di frolla e spolverare di pinoli. Personalmente ho rimesso un attimo in forno il tutto per far abbrustolire un po’ sia la crema che la frolla ma questo è un passaggio che non credo tutti facciano! A voi la scelta...

Buona merenda!
Alla prossima
Francesca

Seguite il mio blog anche su Facebook, iscrivetevi alla pagina NaturoMania !
Twitter: NaturoManiaBlog

Vota:
4 vitelli salvati corrono liberi per la prima volt...
Agricoltura biologica: un premio per la migliore T...
 

Commenti

Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento
Già registrato? Login qui
Ospite
Sabato, 23 Settembre 2017