Natur...Animali

Un "salto" in Australia per conoscere il canguro rosso

canguro

Quando si parla di Australia non si può non pensare all'animale simbolo di questa terra lontana: il canguro.

Il canguro rosso (Macropus rufus) è il più grande marsupiale vivente sul pianeta. Vive nelle zone aride e semi-aride dell'Australia centrale, cibandosi di vari tipi di graminacee, ma adattandosi ad altri tipi di vegetazione nei periodi di maggiore siccità; beve anche poco, acquisendo l'acqua necessaria per la sua sopravvivenza principalmente dalle piante di cui si nutre, e questo (oltre alla capacità di concentrare molto le urine) gli permette di vivere in ambienti anche così poco favorevoli evitando la disidratazione.

È un animale che praticamente tutti conoscono proprio per alcune sue caratteristiche che lo identificano. Uno fra tutti è questo suo modo di spostarsi, a balzi che superano il metro di altezza ed una lunghezza che può raggiungere gli otto metri; questo grazie agli arti posteriori, grandi e robusti (dal quale deriva il suo nome, “grande piede”) e che non possono muoversi indipendentemente l'uno dall'altro, ed a una coda altrettanto lunga e muscolosa che bilancia il corpo dell'animale durante i salti. La coda funge inoltre da appoggio quando il canguro si riposa o quando “fa a boxe” durante le lotte. Le zampe anteriori invece sono poco sviluppate e terminano con cinque dita che vengono utilizzate per afferrare il cibo o nei combattimenti tra maschi (nel piede manca invece il primo dito, il secondo e terzo sono uniti tra loro per sindattilia ed il quarto è il più forte e sviluppato).

Altri aspetti curiosi di questo animale:

- proprio grazie a questa sua andatura a balzi che gli permette di coprire lunghe distanze con un solo salto, riesce a raggiungere una velocità di circa 60 km/h;

- presenta uno spiccato dimorfismo sessuale dato principalmente dalle dimensioni del corpo (il maschio può pesare anche 90/100 chili, raggiungere l'altezza di un uomo o anche superarla, con una coda di 100-120 cm; la femmina pesa invece sui 60-70 chili, la lunghezza del corpo è di 85-105 cm e quella della coda 65-85 cm) e dal colore del pelo che nei maschi è rossastro mentre nelle femmine è grigio con riflessi metallici al sole (ed è per questo che queste ultime vengono chiamate “blue flyers”, volatrici azzurre)

ma soprattutto...

- una modalità di riproduzione tipica dei marsupiali (ordine al quale appartiene appunto anche il canguro): è dotato di una tasca addominale (appunto “marsupio”) che funge da incubatrice; infatti la prole del canguro nasce dopo 4-5 settimane di gestazione ad uno stadio molto precoce di sviluppo (quando viene alla luce pesa circa 2 grammi), dopo di che percorre da solo il tragitto lungo il corpo della madre verso il marsupio, e qui rimarrà attaccato alla mammella per almeno due mesi; solo più tardi comincerà ad affacciarsi dal marsupio, dove rimarrà comunque per diversi mesi ancora. Ma interessante è il fenomeno della “diapausa”: subito dopo il parto la femmina ha la possibilità di concepire subito un altro piccolo (si verifica sempre un estro post-parto), ma il nuovo uovo fecondato non si sviluppa oltre lo stadio di blastocisti, rimanendo quiescente all'interno dell'utero; il tutto dura fino a quando il nuovo nato non lascia il marsupio o, nella peggiore delle ipotesi, muore: da quel momento la blastocisti ricomincerà a svilupparsi. La diapausa è influenzata dalla lattazione. Naturalmente tutto questo ha un suo fine: permette l'immediata sostituzione dei piccoli morti prematuramente e di avere un maggior numero di giovani quando le condizioni ambientali sono favorevoli; partorisce infatti un solo cucciolo alla volta.

Madre Natura ha sempre un modo magnifico e unico per garantire la sopravvivenza alle sue creature, ma quello che mi affascina di più (e non smetterò mai di ripeterlo) è come il tutto avviene , attraverso dei meccanismi che appunto solo la Natura è in grado di “progettare”.

tuvali 320 a

TuVali

+ di 130 corsi online su Salute e Benessere, a partire da 5€ su TuVali.it

donnapop

Segui DonnaPOP

Il magazine femminile che trascina nell'arena i trend del momento!

Ovipari vivipari o ovovivipari?
Ma esistono veramente "cani assassini"?
 

Commenti

Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento
Già registrato? Login qui
Ospite
Sabato, 16 Febbraio 2019
sai cosa compri
dieta
integratori
lievito madre
oli essenziali
ricette
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
seguici su facebook
corsi pagamento
whatsapp gratis
seguici su instagram