Salviette Umidificate per Bambini e Neonati fatte in casa

b2ap3_thumbnail_03032c8273dcb8a0ef21a8967c8767241a365d24.jpg

La maggior parte delle salviette umidificate, più commerciali, per bambini contengono sostanze chimiche allergizzanti o addirittura tossiche quali parabeni, ftalati, profumi o ancor peggio il Fenossietanolo (Phenoxyethanol), una sostanza in grado di causare disturbi endocrini.

Spesso anche quelle salviette pubblicizzate quali “naturali” senza parabeni o alcool, hanno in realtà, leggendo con attenzione l’INCI, alcune sostanze che potrebbero essere dannose come ad esempio il profumo (a meno che non sia specificato provenga da oli essenziali).

Per fortuna ci sono diversi prodotti, per l’igiene dei nostri piccoli, che non contengono sostanze chimiche tossiche ma per lo più naturali, di contro però il costo è spesso molto elevato.

Per evitare quindi di spendere una fortuna in salviette detergenti per il cambio pannolino, per essere sicuri di quello che spalmiamo sulla pelle dei nostri bimbetti e soprattutto per non scatenare pericolose allergie, che ne dite di realizzare in casa delle salviette umidificate totalmente naturali e sicure, con pochi e semplici ingredienti?

E allora vediamo di cosa abbiamo bisogno:

1 rotolo di carta assorbente riciclata e priva di cloro

1 tazza di acqua

1 cucchiaio di sapone di Marsiglia puro, liquido

1 cucchiaio di olio biologico (calendula o mandorle)

1-2 gocce di olio essenziale di camomilla o lavanda

1 contenitore per salviette o un sacchetto di plastica richiudibile

b2ap3_thumbnail_cut-paper-towels.jpg

Fase 1- Tagliare il rotolo

Tagliate il rotolo di carta assorbente a metà con un coltello ben affilato.

Fase 2 – Preparare la soluzione detergente

In una ciotola versate l’acqua, il sapone, l’olio biologico e le gocce di olio essenziale. Il composto dovrebbe risultare abbastanza schiumoso.

b2ap3_thumbnail_versare-il-contenuto.jpg

Fase 3 – Versare

Versate 3/4 della soluzione su una metà del rotolo di carta assorbente, nel contenitore che vi siete procurati per la conservazione delle salviette.

Fase 4 – Ammollo

Immergete il mezzo rotolo nella soluzione per 10 minuti e poi capovolgete.

Versate il resto della soluzione sull’altro lato e lasciate riposare per altri 10 minuti.

b2ap3_thumbnail_rotolo-centro.jpg

Fase 5 – Estrarre il centro

Estraete il centro del rotolo di carta assorbente. Nel momento che tirerete fuori il cartoncino, questo dovrebbe sollevare il tovagliolo di carta centrale che uscirà nel mezzo.

Assicuratevi che il rotolo assorba bene il liquido.

Chiudete il contenitore per la conservazione. E per finire se preferite, potete ricoprire il contenitore con della stoffa o carta colorata.

Se avanza del sapone, conservatelo in un flaconcino o in un barattolo di vetro.

Ma se volete essere dei genitori davvero green al posto del rotolo di carta, potreste utilizzare delle salviette di bamboo o di cotone.

Utilizzate le salviette entro un paio di settimane in quanto, non avendo conservanti, possono crearsi delle muffe.

MADRE NaturaLE è anche su facebook

Salugea

Come fare incetta di vitamina D in inverno per evitare una carenza

Florena Fermented Skincare

Cosmetici naturali fermentati: cosa sono e perché sono così efficaci per la cura del viso

Coop

Le bottigliette d’acqua riciclate del Jova Beach Party diventano t-shirt sportive

Caffè Vergnano

Regali di Natale: un’idea personalizzata e green per la persona che ami

Seguici su Instagram
seguici su Facebook