Cuscini Allattamento: quali sono e come sceglierli

b2ap3_thumbnail_cuscino-allattamento.jpg

Un gadget davvero utile da regalare a una futura mamma è sicuramente il cuscino per la gravidanza e l’allattamento.

Progettato per aiutarci a sorreggere il bimbo durante l’allattamento, per evitare mal di schiena o una postura scorretta, in realtà il cuscinotto può essere utilizzato in una infinità di modi.

 

Personalmente l’ho usato tantissimo sia durante la gravidanza che dopo. Durante la gravidanza l’ho utilizzato per sostenere la schiena da seduta ad esempio mentre guardavo la tv o leggevo un libro sul divano, ma anche e soprattutto la notte mettendolo tra le gambe, posizione che mi aiutava a riposare meglio dandomi molto sollievo. Mentre durante l’allattamento adagiavo il mio nanetto sul cuscino così che mentre lui mangiava io potevo rilassarmi leggendo un libro.

Ma non solo, dopo la poppata, quando il piccolo si addormentava, lo lasciavo rannicchiato all’interno del cuscino, posizionandolo sul lettone o nella culla. Il cuscino è stato inoltre un ottimo sostegno anche durante la sua crescita in tantissime occasioni, aiutandolo a sorreggersi sia nella posizione sdraiata che seduta, nel momento del gioco o della nanna.

In commercio ne possiamo trovare di diverse forme, imbottitura e stili. Ma quale cuscino scegliere per soddisfare pienamente le nostre esigenze? Ecco allora cosa tenere in considerazione prima di acquistare uno.

FORMA

b2ap3_thumbnail_cuscino-allattamento1.jpg

Serpentone

Il modello a serpentone è molto più facile da usare durante la gravidanza per dormire, in quanto può essere abbracciato e messo tra le gambe scegliendo come posizionarlo al meglio.

Di contro è più scomodo per gli altri usi. Innanzitutto è necessario dargli una forma U o a ferro di cavallo. Oltretutto è molto meno imbottito del cuscino a ciambella, perché altrimenti non si riuscirebbe a dargli una forma. Questo comporta che il cuscino è floscio e sostiene meno, dunque diventa scomodo quando dobbiamo usarlo per sistemare il nostro bimbetto o per sostenere la schiena durante la gravidanza nella posizione seduta.

Ma essendo più grande può essere utilizzato con più facilità in caso di gemelli.

I cuscini a serpentone di solito hanno dei lacci di fissaggio per unire le due estremità.

b2ap3_thumbnail_cuscino-allattamento2.jpg

Ciambella

Il cuscino a ciambella normalmente ha una buona imbottitura. Più semplice da usare durante la gravidanza, per poggiare la schiena da sedute, è leggermente più scomodo per dormire la notte. Durante l’allattamento è ideale sia per far mangiare il bimbo neonato ma anche per rannicchiarlo dopo la poppata, oppure per sostenere il bambino da seduto nel momento in cui diventa più grandicello.

 

MATERIALI

Imbottitura in Poliestere 

Materiale sconsigliato nel momento in cui vogliamo acquistare un cuscino. Innanzitutto perché essendo un materiale sintetico fa sudare soprattutto in estate. Inoltre perché non si conoscono ancora gli effetti dell’esposizione alle polveri prodotte durante la lavorazione del poliestere.

I cuscini in poliestere hanno una forma più grande e compatta rispetto a quelli in pula di farro o miglio e per ovvie ragioni hanno una consistenza più morbida di quelli con imbottitura naturale.

 

Imbottitura in Pula di Farro e di Miglio

Naturali, anti-acaro, rinfrescanti, traspiranti e soprattutto coltivate senza l’utilizzo dei pesticidi la pula di farro e la pula di miglio derivano dallo scarto della loro lavorazione.  

I cuscinotti in pula di farro e di miglio, essendo naturali sono senz’altro la scelta migliore nel momento dell’acquisto. Sia perché dormire su un cuscino imbottito con materiali naturali favorisce un sonno più tranquillo, sia perché un cuscino riempito con una quantità corretta di pula di farro o di miglio non si affloscia e riesce a sostenere meglio il peso del bambino e del corpo della mamma.

Inoltre questi materiali contengono fino al 90% di acido silicico ovvero un rimedio naturale tra i più efficaci per lenire le contrazioni muscolari, le piaghe da decubito e particolarmente indicato contro i dolori delle ossa o della muscolatura. Riconosciuto quale antidolorifico naturale, può dare sollievo in caso di mal di schiena e mal di testa.

Questi materiali oltre che a garantire un bel massaggio  sono anche termoregolatori, mantengono fresco d’estate e caldo d’inverno, evitando così la sudorazione eccessiva  del piccolo e della mamma pervenendo spiacevoli irritazioni cutanee.

La pula di farro e di miglio possono essere trattate a ogni cambio stagione, passando sul cuscino il vapore del ferro da stiro e facendolo poi asciugare assicurandosi che non rimanga umidità.

È possibile trovare in commercio alcuni cuscini in pula di farro e lavanda insieme.

I cuscini in pula di farro e miglio  sono più piccoli rispetto a quelli in poliestere, in quanto essendo più pesante l’imbottitura sono più facili da gestire.

Accertatevi che i materiali provengano da coltivazioni biologiche certificate, possibilmente Made in Italy.

 

Fodera: bambù e cotone, meglio se bio

Anche per quanto riguarda il rivestimento del cuscino è sempre meglio optare per dei materiali naturali quali il cotone biologico o il bambù (meglio se certificati), morbidi al tatto e più sicuri per la delicata pelle dei nostri bimbetti.

Di solito tutti i cuscini in pula di farro e miglio sono rivestiti con una fodera di cotone grezzo neutro (non sfoderabile) al quale viene abbinata una ulteriore fodera in cotone bio o bambù colorata o a fantasia che può essere tolta e lavata.

 

DOVE ACQUISTARE

Per chi preferisce acquistare il proprio cuscino gravidanza/allattamento sul web, esistono diversi siti dove farlo risparmiando anche un po’ rispetto al negozio tradizionale, tra questi segnaliamo il sito 40settimane.it.

E allora a voi la scelta.

MADRE NaturaLE è anche su facebook

 

 

Vota:
Tempo di lamponi…6 motivi per mangiarli
21 giugno: Solstizio d’estate nel bosco incantato ...
 

Commenti

Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento
Già registrato? Login qui
Ospite
Mercoledì, 24 Maggio 2017