Quando la natura è maestra di felicità

La maggior parte di noi, quando sceglie cosa farà nella vita, lo fa seguendo l’utile. Cosa mi farà guadagnare più soldi? Quale lavoro mi darà maggiore stabilità? Seguire invece il cuore e le sue strade, per lo più incerte, è onore di pochi.

 

Paolo Barbera aveva davanti a sé un futuro certo. Padre ingegnere, non aveva che da laurearsi in economia e portare avanti l’avviata azienda di famiglia. Eppure qualcosa dentro di lui gli diceva che la strada da prendere era un’altra. Passeggiando tra gli agrumeti di famiglia, nelle campagne di Ribera, in provincia di Agrigento, appartenuti al suo nonno paterno, sentiva il richiamo di quella terra odorosa e fertile. Così, 14 anni fa prese la decisione di invertire la sua rotta e diventare quello che è oggi: un felice imprenditore agricolo.

Perché raccontare la sua storia sul blog della Scuola felice?

Perché Paolo può insegnarci molto: in un assolato pomeriggio d’agosto, portandomi in giro per i suoi agrumeti e oliveti, mi ha fatto capire che solo seguendo le nostre passioni profonde, possiamo riuscire ad imparare davvero quello che di importante serve per vivere. È nella felicità che si impara e si cresce davvero. E la natura, in questo caso, sa essere ogni giorno una grandiosa maestra di vita.

L’azienda di Paolo si chiama Contadini per passione: già dal nome, dunque, è chiaro come questa sia la storia di un amore viscerale per la terra a cui appartiene. In questo progetto sono coinvolti altri due giovani: Francesco “Kiko” Corsentino e il fratello di Paolo,Marco Barbera. Ognuno di loro ha un percorso formativo e di vita differente, per cui nel progetto confluiscono diverse energie: Paolo è colui che ha dato vita al sogno e lo porta avanti con il suo essere un vero visionario alla Steve Jobs; Francesco porta avanti l’aspetto “virtuale” del progetto, essendo un project manager; Marco è infine l’anima pragmatica del gruppo, il trait d’union con gli altri due.

Paolo e Marco ereditano nel 2003 l’aranceto di Cannagrande, un meraviglioso giardino immerso nella valle del fiume Verdura. Una vera e propria oasi incontaminata, non essendoci nelle vicinanze alcun insediamento industriale e a pochi passi da uno dei tratti di costa più belli della Sicilia occidentale. Proprio la vicinanza con i fiumi Verdura e Magazzolo, che hanno da sempre permesso un’irrigazione costante e pura, rende questa parte di territorio agrigentino particolarmente adatta alla coltivazione dell’arancia bionda, che ad oggi è certificata DOP.

Inizia da quel momento questa entusiasmante avventura, che porta i tre giovani a convertirsi al biologico: i loro alberi, di agrumi, di olive e di altri frutti sono infatti accuditi con amore, senza pesticidi di sintesi e con metodologie ecocompatibili. In questo, Paolo e gli altri sono riusciti a coniugare la tradizione, perché hanno attinto alla saggezza di vecchi contadini (“fonti inestimabili di consigli ed esperienze”, come ci dice lo stesso Paolo) per imparare le tecniche di coltivazione degli agrumi, con l'innovazione, perché studiano costantemente, collaborando con esperti agronomi, per creare prodotti di eccellenza.

Questo aspetto del loro lavoro è particolarmente interessante e in una Scuola felice coniugare tradizione e innovazione dovrebbe diventare la regola! Solo così si potrebbe essere certi di portare avanti le cose buone del passato, unendole alle nuove tecnologie e alle ultime scoperte scientifiche.

Grazie all’apporto di Kiko, dunque, la tradizione dell’essere arancicoltori si sposa con l’innovazione della vendita online: “Contadini per passione”, infatti, è un negozio virtuale e le “bionde” arrivano in tutta Italia con un semplice click del mouse! Questa modalità di vendita ha permesso ai tre ragazzi di interagire direttamente con chi compra i loro prodotti, creando spesso delle belle amicizie. Molti clienti, di passaggio in Sicilia, non esitano ad andare a Ribera a vedere di persona come stanno le loro “signorine arancioni”!! In questo modo, ci si sente veramente parte attiva di questo progetto, di quella filiera amica, come la definiscono i Contadini per passione, in cui “ci si rapporta direttamente con le esigenze di chi si trova dall'altra parte della barricata, ascoltando e interagendo senza nessun filtro, e soprattutto, senza alcun intermediario, spiegando cosa c'è dentro e dietro quel particolare prodotto”: un rapporto di conoscenza, di fiducia e di credibilità.

Anche la pagina Facebook, costantemente aggiornata con foto e post, riesce a far sentire quel legame tra il cliente (o coproduttore per usare una definizione di Paolo) e i nostri contadini.

Il sogno di Paolo, però, non si ferma all’essere un bravissimo agricoltore: oltre al fatto di voler costruire attorno all'aranceto e all'uliveto un laboratorio artigianale di trasformazione di tutti i loro prodotti, dalle marmellate al miele di arancio, dalla conserva di olive alla frutta secca. La sua intenzione è di aprire il suo verde mondo alle scuole creando una Fattoria Didattica, per mostrare ai bambini e ai ragazzi la bellezza di questa particolare natura e della sua Sicilia. È infatti triste constatare come molti piccoli siciliani non conoscano quasi per niente il loro territorio e le ricchezze che ne derivano; questo si traduce, inoltre, in una scarsa cultura alimentare.

Come Paolo stesso tiene a precisare, mai come in questo momento il ruolo del contadino, nella sua essenza più romantica e più semplice, è quello di essere il primo educatore al cibo”. Le energie dei Contadini per passione si rivolgeranno dunque proprio ai giovani studenti, considerati “fidati alleati, consumatori del futuro, affinché possano imparare il giusto valore del cibo, acquisendo fin da piccoli la giusta consapevolezza nello scegliere”, oltre che agli insegnanti e ai genitori: per far passare certi concetti, infatti, è necessario fare squadra! Ancora una volta, dunque, è necessario coniugare innovazione e tradizione: innovare il modo di trasmettere le conoscenze, mantenendo intatti i saperi del passato.

Una bella storia, quella di Paolo e dei Contadini per passione...un percorso destinato sicuramente a fare scuola...una Scuola Felice, magari!

Vota:
Difenderemo i nostri cani!
10 Libri da Colorare per Adulti per combattere lo ...
 

Commenti

Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento
Già registrato? Login qui
Ospite
Lunedì, 24 Luglio 2017