Sono Maria Grazia Antonella, insegnante di lettere, mamma e blogger. La mia avventura come insegnante inizia nel 2004, dopo una laurea in lettere classiche e una specializzazione all'insegnamento nei licei. Due anni fa approdo nell'universo "scuola media" e grazie alla sensibilità acquisita dopo la nascita dei miei due figli, si fa strada dentro di me il desiderio di insegnare in modo alternativo, innovativo, unendo le nuove tecnologie ai vecchi saperi e alla manualità.
Da sempre appassionata di musica (suono la batteria e ascolto soprattutto rock, blues e jazz), di libri (ne leggo tantissimi all'anno e promuovo la lettura fin dalla nascita nella mia pagina Facebook "Mammalibro"), di ambiente (ho un blog e una pagina Facebook "Mamma Downshifter", dedicati all'essere mamma seguendo le strade della Decrescita Felice, e collaboro con la redazione ambientale "Giornalisti nell'erba"), porto questo mio variegato mondo nel mio essere insegnante, cercando soprattutto di rendere felici le ore che passo a scuola insieme ai miei alunni e di trasmettere loro i giusti strumenti per vivere nel mondo.

A scuola di empatia contro il bullismo

abbasso i bulli

Il 16 maggio scorso, presso la facoltà di Lettere e filosofia dell'Università Tor Vergata di Roma, si è tenuto un incontro sul bullismo, "Io bullo da solo. Insieme contro il bullismo". L'evento, organizzato dal Comitato Unico di Garanzia e dalla Commissione di Ateneo per l'inclusione degli studenti con disabilità e DSA, è stato un modo per promuovere la tolleranza e la prevenzione di un fenomeno purtroppo in costante crescita.

Continua a leggere

Il finger spinner e la scuola che annoia

finger spinner

In questi giorni a scuola si sente un fruscio continuo. Alunne ed alunni costantemente attratti dall'ultimo giochino in voga, il finger spinner, ossia una piccola elica a tre pale che si può tenere fra le dita e far girare di continuo. La sua funzione? Se chiedi ai ragazzi, rispondono che sia un antistress. Di cui, ovviamente, loro hanno un gran bisogno, dovendo destreggiarsi tra impegni di scuola, sport e altre attività pomeridiane, sapientemente imposte dai genitori per tenerli occupati. Ovvio che una tale mole di lavoro comporti un'alta dose di stress, a cui l'ameno giochino dovrebbe portare sollievo.

Continua a leggere

Educare le giovani menti al rispetto del diverso da sé: storie di donne straordinarie

 scarpe

Il 26 novembre scorso le vie di Roma hanno visto sfilare un lungo corteo per la manifestazione contro la violenza sulle donne, organizzata dalla piattaforma “Non una di meno” (slogan ripreso dai movimenti femministi argentini). Migliaia di donne si sono mosse per chiedere il rispetto dei loro diritti e la fine degli abusi e delle violenze che purtroppo ogni giorno vengono perpetrati su una parte della società ancora troppo spesso relegata in una posizione subalterna

Continua a leggere

I cinque cantautori da studiare a scuola oltre a Bob Dylan

cantautori

Mr. Robert Zimmermann, in arte Bob Dylan, è fresco di premio Nobel. Pare che la notizia non abbia turbato più di tanto i suoi piani: continua a girare per gli Stati Uniti, tenendo fede ai suoi impegni musicali.È la prima volta che il Nobel per la letteratura viene assegnato ad un musicista e non ad un letterato di professione, e infatti è subito iniziata la ridda delle polemiche: qui da noi lo scrittore Alessandro Baricco si è domandato piccato cosa c’entri Dylan con la letteratura.

Continua a leggere

Oli essenziali contro l’insonnia: quali sono e come utilizzarli

scuola

La scuola è iniziata da quasi un mese. Quest'anno sono in una nuova scuola, dopo aver passato il mio anno di prova fuori Roma, in quel di Colleferro, e aver dovuto - per vari motivi - accantonare un po' i miei esperimenti di scuola felice. Questa esperienza mi ha insegnato molto, perché ho capito che per fare una scuola felice, c'è bisogno non soltanto della volontà e dell'entusiasmo di una sola insegnante, ma che tutti, dal dirigente ai collaboratori scolastici, siano coinvolti in questo progetto.

Continua a leggere

Quando la natura è maestra di felicità

La maggior parte di noi, quando sceglie cosa farà nella vita, lo fa seguendo l’utile. Cosa mi farà guadagnare più soldi? Quale lavoro mi darà maggiore stabilità? Seguire invece il cuore e le sue strade, per lo più incerte, è onore di pochi.

Continua a leggere

I boccioli degli orti goriziani

libri natale

In questi tempi di acquisti per le imminenti festività natalizie, la Scuola Felice ha deciso di darvi qualche suggerimento letterario per diffondere cultura e far sì che i regali non siano mero consumismo, ma siano utili per riflettere, esercitare lo spirito critico, conoscere nuovi mondi, accettare gli altri.

Continua a leggere

I piccoli spiegano ai grandi l'importanza di amare l'ambiente

b2ap3_thumbnail_b2ap3_thumbnail_Locandina-Viva-la-Terra.jpg

Manca poco più di un mese alla Cop 21, ma in pochi sanno cosa essa sia. Eppure è un evento epocale, che potrebbe segnare una svolta nella lotta ai cambiamenti climatici. 

Continua a leggere

La scuola come comunità di apprendimento felice

b2ap3_thumbnail_b2ap3_thumbnail_logo-scuolaamica.jpgDomani le scuole riaprono i battenti e in concomitanza con questo evento, una sorta di secondo Capodanno, mi capita ogni anno di fare buoni propositi per i mesi che verranno e che mi vedranno impegnata in una nuova sfida. Stavolta, però, più che stilare un elenco di promesse, vorrei fare un elenco dei miei sogni per una scuola che sia davvero “comunità di apprendimento felice”.

Continua a leggere

Imparare a fondere i sensi: la sinestesia

b2ap3_thumbnail_b2ap3_thumbnail_bimbidipinti_20150903-133017_1.jpg

Questa estate ho sperimentato coi miei figli e con giovani amici la possibilità di imparare tanto senza i classici libri di esercizi delle vacanze.

Continua a leggere