Profumo di lavanda: usi dell’olio essenziale

immagine

La lavanda è un arbusto spontaneo sempreverde originario del bacino del Mediterraneo ma diffuso in tutta l’Europa meridionale e occidentale.

Già presso gli antichi Romani era una pianta preziosa, impiegata sia nei bagni termali che in decotti e infusi, grazie al caratteristico profumo dolce e rilassante. Dal Medioevo fino al 1700 si usava acqua profumata alla lavanda per lavare i pavimenti, e in effetti il nome della pianta deriva da questo suo uso nell’ambito della pulizia.

Oggi, la lavanda è ampiamente utilizzata in erboristeria per le sue proprietà lenitive, rilassanti, antiinfiammatorie e decongestionanti. Ha anche un ruolo fondamentale nella conservazione della biodiversità: la lavanda, infatti, attira le api, senza le quali centinaia di piante scomparirebbero, causando un forte squilibrio dell’ecosistema, specchio dei danni irreparabili arrecati dall’uomo alla Terra.

immagine

Dalla lavanda si ricava un olio essenziale dolce e profumatissimo, che possiamo usare in tante occasioni per le sue proprietà distensive e riequilibranti. Studi compiuti sull’uomo dopo l’uso dell’olio essenziale di lavanda hanno dimostrato un rallentamento dell’attività cerebrale e muscolare, nonché un generale miglioramento del tono dell’umore.

Allevia il mal di testa, soprattutto quando legato ad ansia e stress. Possiamo applicarne poche gocce direttamente sulle tempie, con un leggero massaggio circolare. È uno dei pochi olii essenziali che possono essere usati con i bambini, anche se sempre con la dovuta cautela in quanto agisce sul sistema nervoso. Alcune gocce di olio essenziale di lavanda mischiate a un cucchiaio di olio base, per esempio mandorla dolce, possono essere impiegate nel massaggio serale a bimbi irrequieti, irritabili per dentizione, raffreddore, difficoltà ad abbandonarsi al sonno. In caso di tosse e nasino chiuso è utile massaggiare l’olio di mandorle con alcune gocce di olio essenziale di lavanda sul petto. Ovviamente questo non sostituisce eventuali cure somministrate dal pediatra, ma aiuta ad alleviare i sintomi in maniera naturale e senza effetti collaterali.

Le proprietà antispasmodiche rendono l’olio essenziale di lavanda utile anche in caso di mestruazioni dolorose, tensioni muscolari dovute a stress e dolori cervicali.

In più, agisce come un blando antisettico naturale utile contro punture di insetti, irritazioni cutanee e piccole ferite che faticano a guarire.

Ciliegina sulla torta, il profumo della lavanda risulta sgradito alle zanzare, così come quello del geraneo. Qualche goccia di questi oli essenziali sulla pelle ci aiuterà a limitare le punture, ed è solo uno dei tanti motivi per piantare un cespuglio di lavanda nel nostro giardino, o in un vaso sul nostro balcone.

Coop

Arrivano le ciliegie “Buone e Giuste” senza glifosato di Fior Fiore Coop

Germinal Bio

10 idee da mettere dentro il cestino da picnic e accontentare tutti

corsi pagamento

seguici su facebook