MOJITO … IN DECRESCITA !

b2ap3_thumbnail_photo-1.jpg.jpg

Vi siete mai chiesti come potete fare un ottimo Mojito dentro la vostra cucina, cercando di essere etici e responsabili il più possibile ? Ecco qualche suggerimento direttamente da un professionista del settore!

Arriva l’estate e si sa, i cocktails sono una delle parti più divertenti delle serate in compagnia. E’ importante bere sempre con moderazione, ma sono anche altre le attenzioni che possiamo porre quando scegliamo di concederci un drink.

Il Mojito, come tutti i pestati, è un cocktail che si beve dal fondo, per questo viene sempre servito con le cannucce di plastica, che spesso sono due per ogni bicchiere. ” Noi abbiamo, in questa ricetta, truccato, in senso buono, lo zucchero e il limone – dice Cesare Picotti, barista decrescente di Parma – per trovare un’alternativa tecnica valida all’uso della plastica, mescolando i due ingredienti a parte e servendo in bicchieri di vetro più piccoli, simili a quelli che si usano di solito a Cuba, dove si consuma un Mojito leggero e rinfrescante anche durante le ore del giorno. “

E’ una piccola accortezza, ma cominciare a seguire piccoli passi etici anche nelle serate fuori, specialmente d’estate, può essere un ottimo inizio verso scelte consapevoli. Evitare cocktail serviti in bicchieri di plastica usa e getta, preferire il vetro e poter effettuare un controllo sugli ingredienti dove possibile sono piccoli gesti che ci portano verso una consapevolezza anche durante l’estate, quando un po’ di relax passa anche attraverso un bel cocktail con gli amici.

Se poi volete dilettarvi voi stessi nella preparazione del Mojito in decrescita, ecco a voi il video che spiega passo passo come potete fare, l’autoproduzione passa anche dall’aperitivo !

Salugea

Come fare incetta di vitamina D in inverno per evitare una carenza

Caffè Vergnano

Regali di Natale: un’idea personalizzata e green per la persona che ami

Coop

Mini-muffin al cioccolato serviti e cotti nella buccia di clementine

Hello Fish!

Preservare i nostri mari un passo alla volta, a partire dalla stagionalità del pesce

Seguici su Instagram
seguici su Facebook