grandi classici: sapone etico e naturale

b2ap3_thumbnail_sapone.jpg

Il sapone di Marsiglia è un grande classico dell'autoproduzione, per questo mi piacerebbe condividere alcune riflessioni sull'importanza di una produzione casalinga etica, oltre che divertente e creativa.

 

 

Per saponificare si possono usare diversi grassi, sia vegetali che animali. Si può utilizzare anche l'olio di frittura, specialmente se di oliva : basta filtrarlo bene con una garza e potete riciclare gli scarti della cucina. La soda saponificherà tutto, odori compresi, quindi tranquilli, non odorerete di fritto ! Inoltre si può utilizzare anche olio di oliva vecchio di qualche anno: se contattate un produttore vicino casa, sarà ben contento di sbarazzarsi dei resti invenduti degli anni passati a poco prezzo.

Utilizzare l'olio di cocco o l'olio di palma non serve, perchè usare prodotti che arrivano dall'altra parte del mondo, vengono coltivati e lavorati da lavoratori sfruttati e sono anche ad altissimo impatto ambientale ? L'olio di oliva fa parte della nostra cultura, e spesso possiamo trovarlo a filiera corta.

Si possono utilizzare stampini di recupero, non serve comprarli apposta. Se consumate yogurt, ricotta, verdure confezionate dentro vaschette di plastica, riciclate i contenitori: se volete, una volta sformati i saponi dopo un giorno o due, potete tagliarli con una lenza secondo le vostre esigenze.

Aggiungere oli essenziali, miche o erbe tintorie serve a decorare il vostro sapone fatto in casa, magari per regalarlo o renderlo gradevole nell'utilizzo, però il sapone va benissimo anche semplicemente fatto con i suoi tre ingredienti : acqua, olio di oliva e soda caustica.

Si può sostituire tutto il sapone di casa, detersivi compresi, con questo sapone autoprodotto.Quando è maturo, potete grattarlo e produrre un sapone liquido per il corpo, sciogliendolo a bagnomaria in un quantitativo di acqua che sia sei o sette volte il peso del sapone. Lo stesso se volete un detersivo universale, per il bucato o per i pavimenti : aggiungete all'acqua bicarbonato o aceto e avrete un'azione pulente più forte.

In questo modo eliminerete grandissima parte degli imballaggi, bottiglie di plastica, dosatori e spruzzini, avendo anche un notevole risparmio economico.

Se desiderate poi un sapone delicato, per il corpo, potete scontare il quantitativo di soda del 5% ( quindi per 100gr di olio = 12,7 gr di soda ) ma non di più: il sapone con meno soda irrancidisce più facilmente, mentre così si conserva per più di un anno.

Infine non è pericoloso maneggiare la soda caustica : ricordatevi di indossare guanti e mascherina, areate il locale e non tenete vicino bambini o animali. Ricordatevi che se entrate in contatto con la soda dovete sciacquarvi con l'aceto, che ne neutralizza l'effetto.  

buona autoproduzione, etica e consapevole !

 

 

seguimi anche su Facebook ! 

maschera lavera 320

Lavera

Come preparare la pelle del viso all’estate in 5 mosse

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

Fracking e diamanti, a rischio l’esistenza dei Bos...
Il miracolo della vita nel Macro Timelapse di Dani...
 

Commenti 1

Ospite - Linda il 15 Maggio, 2014

ciao a tutti,

se possibile vorrei sapere di più sulle erbe tintorie in saponificazione.
A causa della basicità del prodotto finale so che molti colori virano.
C'è qualche tabella in proposito o qualcuno che possa portare la sua esperienza?
Grazie

0
ciao a tutti, se possibile vorrei sapere di più sulle erbe tintorie in saponificazione. A causa della basicità del prodotto finale so che molti colori virano. C'è qualche tabella in proposito o qualcuno che possa portare la sua esperienza? Grazie
Già registrato? Login qui
Ospite
Domenica, 24 Giugno 2018
dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram