Londra 2012: prime Olimpiadi a rifiuti zero?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La filosofia “Zero Waste” contagia le Olimpiadi. Mancano pochi giorni all’inizio delle Olimpiadi di Londra 2012 e circola la notizia che i Giochi olimpici (che inizieranno il 27 luglio e termineranno il 9 settembre con la chiusura delle Paraolimpiadi) puntano diventare a le prime Olimpiadi a “rifiuti zero”. Gli organizzatori di Londra, infatti, intendono eliminare il ricorso alla discarica per i Giochi nella città londinese: è stata pronostica nel corso dei Giochi una produzione di 8.000 tonnellate di spazzatura, con un riuso, riciclo o compostaggio previsto pari ad almeno il 70%.

Nella strategia anti-discariche, messa a punto dalla Commissione organizzatrice dei Giochi olimpici e delle Paraolimpiadi di Londra 2012, tutti gli acquisti all’interno del parco olimpico e tutti gli imballaggi saranno riciclabili al 100%. Tazze da caffè, coltelli e forchette saranno compostabili e per quanto riguarda le bottiglie di plastica raccolte, gli organizzatori puntano a riciclarle entro sei settimane. Per quanto riguarda la raccolta differenziata, questa sarà ben definita fin dai cestini (ciascuno di forma e misura diversa) uguali nei colori alle confezioni da buttare. Particolare attenzione verrà riservata anche al cibo. Gli spettatori potranno portare con loro piccole quantità di cibo, con restrizioni per i liquidi (l’acqua sarà comunque gratis). E i 14 milioni di pasti previsti saranno serviti cercando di accontentare tutti i gusti (forse per ridurre gli avanzi): menù britannici, mediterranei, caraibici, asiatici, senza glutine, vegetariani e non, halal e kosher.

Nell’elencare la tipologia di menù mi è venuto un certo languorino. E così Il netturbino svela uno dei suoi punti deboli: il cibo. Ma contengo gli istinti gastronomici e torno a pensare alle montagne di rifiuti organici prodotte dalle conseguenze di una società consumista (lo scrivo, forse il senso di colpa vince l’istinto) e così mi chiedo: Londra 2012 riuscirà a contenere la montagna di rifiuti che verrebbe prodotta da un evento del genere? Secondo voi?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook