Dal 25 al 27 maggio in azione per la pulizia di spiagge e fondali

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Sarà l’estate che si avvicina e anche in questo post vi parlerò di mare (e rifiuti). Conoscete Clean up the Med? È l’iniziativa di volontariato internazionale per liberare le spiagge del Mediterraneo dai rifiuti abbandonati che si svolge ogni anno durante l’ultimo weekend di maggio. Nel nostro Paese la campagna è promossa da Legambiente con il titolo Spiagge e Fondali Puliti.

In Italia l’appuntamento, rivolto a grandi e piccini, sarà il 25, 26 e 27 maggio in oltre 300 località costiere della Penisola insieme ai volontari di Legambiente e ai subacquei per ripulire spiagge e fondali, troppo spesso considerati il luogo ideale dove abbandonare rifiuti di ogni genere. Gli obiettivi sono quelli da sempre cari all’associazione: sensibilizzare cittadini e turisti a non “sporcare” adottando uno stile di vita virtuoso anche sugli arenili partendo dalla raccolta differenziata e dalla cura dell’immenso patrimonio costiero. Nei tre giorni di pulizia delle spiagge e dei fondali saranno coinvolti gli enti locali, le strutture turistiche e diverse associazioni, che insieme ai cittadini, si uniranno per vivere un concreto gesto collettivo all’insegna del volontariato ambientale che può fare la differenza.

E lo slogan Spiagge e Fondali Puliti 2012 sarà infatti: “Riduci, utilizza e ricicla”. Un messaggio chiaro e diretto per far capire quanto sia dannoso non solo per le coste ma per l’intero ecosistema marino abbandonare in spiaggia mozziconi di sigarette, bottiglie e buste di plastica o lattine, ogni anno in cima alle classifiche dei rifiuti lasciati sul litorale. I tempi di degrado dei rifiuti gettati in mare sono molto lunghi: ad esempio ci vogliono tre mesi per un fazzoletto di carta, da 1 a 5 anni per un mozzicone di sigaretta; da 4 a 12 mesi per il giornale; circa cinque anni per la gomma da masticare e per la carta plastificata. Invece il riciclo di questi materiali potrebbe dar vita alla produzione di nuovi oggetti: con 3 lattine di alluminio si possono ricavare un paio di occhiali; con 800 lattine una bicicletta; con 37 lattine una caffettiera; con 20 bottiglie di plastica un pile da indossare.

Per partecipare a una delle iniziative in programma visita il sito www.legambiente.it, chiama i numeri 0686268418/419/417 o scrivi a [email protected]

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook