Londra 2012: prime Olimpiadi a rifiuti zero?

immagine

La filosofia "Zero Waste" contagia le Olimpiadi. Mancano pochi giorni all'inzio delle Olimpiadi di Londra 2012 e circola la notizia che i Giochi olimpici (che inizieranno il 27 luglio e termineranno il 9 settembre con la chiusura delle Paralimpiadi) puntano diventare a le prime Olimpiadi a "rifiuti zero". Gli organizzatori di Londra, infatti, intendono eliminare il ricorso alla discarica per i Giochi nella città londinese: è stata pronostica nel corso dei Giochi una produzione di 8.000 tonnellate di spazzatura, con un riuso, riciclo o compostaggio previsto pari ad almeno il 70%.

Nella strategia anti-discariche, messa a punto dalla Commissione organizzatrice dei Giochi olimpici e delle Paralimpiadi di Londra 2012, tutti gli acquisti all'interno del parco olimpico e tutti gli imballaggi saranno riciclabili al 100%. Tazze da caffè, coltelli e forchette saranno compostabili e per quanto riguarda le bottiglie di plastica raccolte, gli organizzatori puntano a riciclarle entro sei settimane. Per quanto riguarda la raccolta differenziata, questa sarà ben definita fin dai cestini (ciascuno di forma e misura diversa) uguali nei colori alle confezioni da buttare. Particolare attenzione verrà riservata anche al cibo. Gli spettatori potranno portare con loro piccole quantità di cibo, con restrizioni per i liquidi (l'acqua sarà comunque gratis). E i 14 milioni di pasti previsti saranno serviti cercando di accontentare tutti i gusti (forse per ridurre gli avanzi): menù britannici, mediterranei, caraibici, asiatici, senza glutine, vegetariani e non, halal e kosher.

Nell'elencare la tipologia di menù mi è venuto un certo languorino. E così Il netturbino svela uno dei suoi punti deboli: il cibo. Ma contengo gli istinti gastronimici e torno a pensare alle montagne di rifiuti organici prodotte dalle conseguenze di una società consumista (lo scrivo, forse il senso di colpa vince l'istinto) e così mi chiedo: Londra 2012 riuscirà a conterenere la montagna di rifiuti che verrebbe prodotta da un evento del genere? Secondo voi?

mediterranea pelle

Mediterranea

Dimmi quanti anni hai e ti dirò di cosa ha bisogno la tua pelle

ecogreen

Ecogreen

La prima sneaker certificata Ecolabel!

Todmorden, il paese che coltiva tutte le proprie v...
A Sassari 4 notti per riscoprire i cibi di strada ...
 

Commenti

Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento
Già registrato? Login qui
Ospite
Lunedì, 22 Aprile 2019
whatsapp gratis
corsi pagamento