Alle prese con la "carta" dell'uovo di Pasqua


Sembra carta ma non è. La vediamo scintillante, potrebbe essere alluminio, ma non è. In parte è plastica ma non del tutto. Ma cos'è quest'oggetto dalla composizione così complessa? E' l'involucro che ricopre le uova di Pasqua.


E se vi chiedessi dove si butta l'involucro che ricopre le uova di cioccolato cosa rispondereste? La risposta corretta è indifferenziato. Si tratta infatti di un imballaggio non riciclabile (poliaccoppiato con uno strato plastico di polipropilene). Nel caso vogliate disfarvene (dopo magari averlo riusato in modo creativo) l'involucro delle uova di Pasqua non va quindi buttato nella raccolta differenziata.

Tuttavia esiste la possibilità di scegliere un uovo senza imballo o dall'involucro in materiale riciclabile. Il primo esempio arriva dall'Inghilterra dove la celebre ditta dolciaria Cadburry ha deciso di dichiarare "guerra" agli imballaggi delle sue uova di Pasqua con la linea chiamata "Uova del Tesoro". A differenza delle classiche confezioni, le uova dell'azienda inglese hanno ridotto del 75% l'utilizzo di plastica e di oltre il 65% quello di cartone. Il secondo esempio (questo presente sul mercato italiano) è il "nUovo mondo" di Altromercato: si tratta di un uovo avvolto in un velo di carta seta prodotta a mano dalle artigiane di Mcc (Mennonite Central Committee) in Bangladesh, a partire dagli scarti di produzione delle fibre di seta.

Vota:
Problemi alle articolazioni? Ecco a voi la ricetta...
Sappiamo ciò che mangiamo? Ecco come leggere le et...
 

Commenti 4

Ospite - Craft and Fun il Venerdì, 06 Aprile 2012 17:25

I miei figli hanno già scartato le uova di Pasqua che sono arrivate . L'involucro è ahimè quello che andrebbe nell'indifferenziata. Ho però trovato una soluzione : l' ho tagliato a striscioline di circa 5mm e poi con la parte del coltello non seghettata le ho arricciate, avete presente quando arricciate il nastro dei pacchi regalo ? Ho messo i riccioli in una pallina di plastica trasparente ( devo dire che il negoziante mi ha guardato strano quando gli ho chiesto le palline di Natale in plastica . ..) , così ho già belle e pronte 8 palline di Natale stracolorate !

0
I miei figli hanno già scartato le uova di Pasqua che sono arrivate . L'involucro è ahimè quello che andrebbe nell'indifferenziata. Ho però trovato una soluzione : l' ho tagliato a striscioline di circa 5mm e poi con la parte del coltello non seghettata le ho arricciate, avete presente quando arricciate il nastro dei pacchi regalo ? Ho messo i riccioli in una pallina di plastica trasparente ( devo dire che il negoziante mi ha guardato strano quando gli ho chiesto le palline di Natale in plastica . ..) , così ho già belle e pronte 8 palline di Natale stracolorate !

[...] Il primo esempio arriva dall’Inghilterra dove la celebre ditta dolciaria Cadburry ha deciso di dichiarare “guerra” agli imballaggi delle sue uova di Pasqua con la linea chiamata “Uova del Tesoro”. A differenza delle classiche confezioni, le uova dell’azienda inglese hanno ridotto del 75% l’utilizzo di plastica e di oltre il 65% quello di cartone. Il secondo esempio (questo presente sul mercato italiano) è il “nUovo mondo” di Altromercato: si tratta di un uovo avvolto in un velo di carta seta prodotta a mano dalle artigiane di Mcc (Mennonite Central Committee) in Bangladesh, a partire dagli scarti di produzione delle fibre di seta. Tratto da: http://blog.greenme.it/il-netturbino/alle-prese-con-la-carta-delluovo-di-pasqua/ [...]

0
[...] Il primo esempio arriva dall’Inghilterra dove la celebre ditta dolciaria Cadburry ha deciso di dichiarare “guerra” agli imballaggi delle sue uova di Pasqua con la linea chiamata “Uova del Tesoro”. A differenza delle classiche confezioni, le uova dell’azienda inglese hanno ridotto del 75% l’utilizzo di plastica e di oltre il 65% quello di cartone. Il secondo esempio (questo presente sul mercato italiano) è il “nUovo mondo” di Altromercato: si tratta di un uovo avvolto in un velo di carta seta prodotta a mano dalle artigiane di Mcc (Mennonite Central Committee) in Bangladesh, a partire dagli scarti di produzione delle fibre di seta. Tratto da: http://blog.greenme.it/il-netturbino/alle-prese-con-la-carta-delluovo-di-pasqua/ [...]
Ospite - Rossella il Martedì, 10 Aprile 2012 16:48

Fantastica idea, grazie!

0
Fantastica idea, grazie!
Ospite - Maria il Mercoledì, 11 Aprile 2012 16:08

dea veramente simpatica e realizzabile insieme ai bambini piccoli. Mi sono divertita... grazie

0
dea veramente simpatica e realizzabile insieme ai bambini piccoli. Mi sono divertita... grazie
Già registrato? Login qui
Ospite
Martedì, 30 Maggio 2017