I colori del giardino d’autunno

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

L'autunno è ormai arrivato e anch'esso ci coccola con i suoi colori caldi. Per beneficiare al meglio dei suoi colori, vediamo insieme le piante che lo caratterizzano per preparare il nostro giardino al meglio. Seguitemi...

Quando si diffonde un che di pungente nell’aria e il colore delle foglie inizia a virare, sappiamo che l’autunno è imminente. L’intensità di questa stagione dell’anno è esaltata dai toni fiammeggianti di alberi e arbusti, l’ultimo spettacolo allestito dalla Natura prima che la luce si affievolisca ovunque e arrivi l’inverno.

Una passeggiata autunnale nei boschi equivale ad una vera e propria terapia con i colori caldi come il rosso, l’arancione, il giallo, l’oro, il ruggine e il rame accentuati dal verde delle conifere, delle felci e del muschio. Un raggio di luce che penetra fra gli alberi e illumina le venature delle foglie, è una vista che emoziona per la sua bellezza.

Ma ora vediamo le piante e fiori che caratterizzano questo periodo dell’anno, fase di transizione dalla pienezza dell’estate alla nudità dell’inverno.

 

Fra gli arbusti che fioriscono bene in autunno, troviamo la fucsia rustica, con i suoi grappoli di fiori pendenti e voluttuosi che formano un delizioso contrasto con le alte spighe color crema dell’esotica yucca; l’Hibiscus rustico, che dà fiori viola – rossastri, violaazzurri e bianchi, mentre uno sprazzo di giallo brillante, imprevisto data la stagione è dato dal sempreverde Hypericum “Hidcote“. L’Erica è un’altra delle attrazioni autunnali e rende sicuramente meglio se messa a dimora in gruppi, in modo che i verdi e i grigi tipici di questo arbusto, facciano risaltare i fiori rosa e il fogliame arancione di varietà come “Orange Queen“, o i fiori bianchi e il fogliame giallo di “Gold Haze”.

b2ap3_thumbnail_gold-haze.jpg

Fra le stelle d’autunno, non posso non annoverare l’acero giapponese, le cui foglie cangianti offrono uno spettacolo ineguagliabile di rosso scarlatto e giallo canarino e poi, il minuscolo Sorbus reducta, che raramente raggiunge più di 30 cm di altezza e che porterà perfino nel più piccolo dei giardini il rosso e il porpora dell’autunno, insieme ai suoi frutti bianchi. Dopo tutto, questa è anche la stagione delle bacche e dei frutti della Rosa Canina, fra le cui specie, ricordo la rugosa, che produce cinnorodi di un bel rosso brillante grandi quanto dei pomodorini.

b2ap3_thumbnail_rosa-canina.jpg

b2ap3_thumbnail_anemone.jpg

E poi, anche l’autunno, come la primavera ha i suoi bulbi: ecco allora il ciclamino, che fiorisce all’inizio della stagione, le nerine in particolare Nerine bowdenii, che produce grappoli di raffinati fiori rosati, con petali ricurvi e morbide forme arrotondate. Fra le erbacee della stagione ricordo gli anemoni giapponesi che variano dal bianco al crema fino a varie sfumature di rosa. Anche gli aster sono popolari e fra cui spicca l’Aster “Frikartii” con i suoi fiori color lavanda. E infine i crisantemi che creano, con i loro colori, macchie variopinte. Insomma, come vedete, anche l’autunno a modo suo ci permette di riempire di colore il nostro giardino e di beneficiare del suo impagabile effetto!

b2ap3_thumbnail_aster.jpg

Alla prossima!

Seguitemi anche su facebook!

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook