Zucca Red Hokkaido delle Ande in agrodolce

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

L’ho notata questa mattina sul bancone dell’ortofrutta del negozio di prodotti biologici che visito puntualmente e si, è stato amore a prima vista! Non ho resistito al suo colore arancione così intenso e caldo sia all’interno che all’esterno che quasi è impossibile descrivere. Tornata a casa, non ho potuto fare altro che documentarmi un po’ su questa accattivante zucca, e ho scoperto un po’ di cosine.

b2ap3_thumbnail_zuccahokka4.jpg

E’ originaria del Giappone ed è coltivata ai piedi delle Ande dai contadini argentini in due diverse varietà: pura, arancione e bicolore (verde – arancione). In Italia, è disponibile da marzo a giugno. Di fatto, si utilizza ne più né meno come la zucca nostrana, ma la differenza sta nella sua consistenza cremosa, piacevole e nel sapore, decisamente più dolce e carico. Non ha grosse dimensioni, in media raggiunge gli 800 g. fino ad un massimo di 1.200 g. Presenta il pregio di avere una buccia sottilissima che se cucinata diventa morbidissima e saporita; se invece si preferisce sbucciarla, è sufficiente farlo con un pelapatate. Ma ora vi dico subito come l’ho preparata.

Zucca Hokkaido delle Ande in agrodolce

Ingredienti

600 g. di zucca Red Hokkaido” bio

1 cipolla dorata

1 scalogno dolce

1 spicchio di aglio

Zenzero fresco e curcuma

40 g. di parmigiano o grana appena grattugiato (versione vegana: sostituite il formaggio con del semplice pangrattato)

Rosmarino

Sale

Pepe in grani (macinato al momento, se piace)

Preparazione

Mondate la zucca, privatela dei semi e tagliatela a fettine sottili, circa 2 cm.

Tritate l’aglio, riducete lo scalogno a rondelle e affettate la cipolla. Ponete la zucca in una casseruola foderata di carta da forno e conditela con sale, rosmarino e gli aromi preparati. Cospargetela come preferite, di parmigiano o di pangrattato e cuocetela in forno preriscaldato a 180 °C per circa mezz’ora – quaranta minuti. Lasciatela intiepidire e se volete, appena prima di servire, conditela con olio evo o olio di semi di zucca, zenzero e curcuma grattugiati al momento.

Vi garantisco che il risultato è strepitoso! Lo zenzero poi, così pungente, agrumato e aromatico, si combina benissimo con il sapore dolciastro della zucca.

Provatela, non ve ne pentirete!

A presto!

Stefania

Seguitemi anche su Facebook

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook