Tempo di carciofi: Smoothie di carciofi, lattuga e arancia

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

I carciofi sono ortaggi della famiglia delle Composite, protagonisti della nostra tavola da ottobre ad aprile grazie alle diverse varietà presenti in Italia che ricoprono un lasso di tempo molto esteso. Le varietà più note sono lo Spinoso di Palermo, Mammola, Chioggia, il Violetto di Toscana, lo Spinoso Sardo e lo Spinoso di Liguria. Di questi ortaggi, siamo soliti consumare la testa, che rappresenta il fiore e parte del gambo.

b2ap3_thumbnail_carciofopi.jpg

I carciofi sono molto utilizzati non solo in cucina, sia crudi che cotti ma anche come pianta medicinale proprio grazie ai suoi benefici contenuti. A fronte di poche calorie (solo 22 kcal per 100 g), sono ricchi di fosforo, calcio, magnesio e ferro e ancora, fibre e cinarina, una sostanza in grado di favorire la digestione. Hanno proprietà depurative e diuretiche, sono epatoprotettori e aiutano a tenere a bada i livelli di colesterolo nel sangue. Potete impiegarli in varie ricette, crudi oppure trifolati, alla romana, alla giudia o come condimento per la pasta. Io invece oggi ve li propongo sotto un’insolita veste, ottima per risolvere una pausa pranzo veloce ma al contempo salutare e in grado di offrirvi tutti i nutrienti necessari.

Smoothie di carciofi, lattuga e arancia

Ingredienti per 2 persone

3 cuori di carciofo

Succo e scorza di un arancia

7 foglie di lattuga romana

2 cucchiaini di sciroppo d’acero

200 ml di yogurt bianco naturale

b2ap3_thumbnail_frullatore.jpg

Procedimento

Riducete in pezzi i cuori di carciofo e frullateli sino ad ottenere un composto omogeneo. Con l’aiuto di un colino, separate la parte liquida da quella fibrosa. Grattugiate la scorza dell’arancia, meglio dunque che sia BIO, e mettetela da parte. Nel bicchiere del frullatore, mettete le foglie di lattuga in pezzi, il succo di carciofi precedentemente ottenuto, il succo dell’arancia e lo sciroppo d’acero. Frullate per qualche minuto e poi aggiungete lo yogurt (dosandolo in base alla consistenza che preferite). Continuate a frullare fino ad ottenere un composto liscio ed omogeneo. Lasciate riposare lo smoothies per un quarto d’ora in frigorifero e servitelo spolverato con la scorza di arancia, se vi piace.

Vi lascio con un ultimo consiglio: al momento dell’acquisto, preferite i carciofi più sodi e privi di macchie, con le punte ben chiuse. Potete conservarli in frigo anche per qualche giorno.

Alla prossima!

Stefania

Seguitemi anche su Facebook!

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook