Okra: proprietà, usi e dove trovarla

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Ieri mentre tornavo a casa, mi sono fermata in un negozietto etnico per prendere il latte di cocco, che mi servirà per una delle mie prossime ricette. Mentre facevo il solito giro negli scaffali, cosa vedo vicino alle verdure? L’okra! La sua forma è molto simile a quella di un peperoncino verde, ma ha un sapore che richiama vagamente gli asparagi.

L’okra, oltre ad essere delicata e con un sapore squisito, adatta ad ogni tipo di cottura, ottima fritta, cotta in pastella, gratinata, saltata in padella o in umido è perfetta per conferire una straordinaria cremosità alle vostre minestre, poiché contiene un liquido gelatinoso che ha il potere di addensare leggermente le vostre pietanze; può non piacere, ma a ciò si può facilmente ovviare scottando i baccelli di okra in acqua ed aceto prima di procede con la ricetta.

b2ap3_thumbnail_okra-fritta.jpg

Ora vi dico qualcosa in più su questa pianta di verdure magnifica, detta anche gombo.

Appartiene alla stessa famiglia della malva, dell’ibisco e della pianta del cotone. Molto probabilmente è di origine africana, si sviluppa nei climi temperati tropicali e caldi. È molto comune in Africa, in India, nel Medio Oriente e in Sud America.

L’okra è stata portata negli Stati Uniti dagli schiavi dell’Africa ed è stata considerata per molto tempo un alimento per i poveri, il che spiega come mai, pur essendo ottima e gustosa, sia stata ignorata da molti.

La sua radice è ricca di mucillaggini ed è usata come emolliente in sostituzione dell’altea. In cucina come vi ho già accennato, è utile per legare le salse.

Ma vediamo ora le molteplici proprietà di questa pianta:

-A fronte di un basso contenuto calorico, contiene vitamine in abbondanza: vitamina A, tiamina, B6, vitamina C, acido folico, riboflavina, calcio, zinco e fibra alimentare.

-La ricchezza di acido folico, la rende consigliabile per le donne in stato di gravidanza.

-La mucillagine presente nell’okra aiuta a regolare lo zucchero nel sangue mediante il controllo del suo assorbimento nell’ intestino tenue.

Contiene una buona quantità di fibra alimentare ottima per la salute di tutto il tratto gastrointestinale inoltre, aiuta ad assorbire l’eccesso di colesterolo. L’abbondante acqua contenuta impedisce la stitichezza, elimina il gas e il gonfiore all’addome. È pertanto un ottimo lassativo, lenisce l’intestino irritabile, le ulcere, guarisce, allevia e rinfresca il tratto gastrointestinale.

Favorisce la perdita di peso.

• L’okra facilita la propagazione di batteri buoni denominati probiotici.

Non vi resta che provarla! Poi mi direte!

Seguitemi anche su Facebook

Stefania J

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook