L’oro degli Inca: la Lucuma. Cos’è, proprietà e come utilizzarla

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Oggi voglio parlarvi della lucuma, (Pouteria lucuma) il frutto di un albero originario del Perù, Cile ed Ecuador e appartenente alla famiglia delle Sapotaceae. Si tratta di un frutto oblolungo che per sapore e consistenza, può essere associato ad un incrocio fra lo sciroppo d’acero e la patata dolce. Se maturo, la parte interna, asciutta e farinosa è simile al tuorlo dell’uovo mentre la parte esterna ricorda l’albume, proprio queste caratteristiche, le han fatto guadagnare il nomignolo di “uovo frutta“. Non è molto grande, al massimo arriva al peso di 200 g. , può essere mangiato sia crudo che cotto e in quest’ultimo caso, assume una consistenza cremosa, simile a quella della zucca.

La lucuma, vanta numerose proprietà medicinali, tanto che la polvere che si ricava dal frutto essiccato, viene definita appunto “oro degli Inca”. È una polvere ricca di betacarotene, di vitamine B1, B2, B3 e B5,di sali minerali come potassio, ferro, calcio e fosforo, niacina nonché fibre e carboidrati. Gli studi condotti dall’ Università del New Jersey, hanno inoltre evidenziato nell’estratto di lucuma un potente effetto antiossidante e antinfiammatorio poiché sarebbe addirittura in grado di intervenire in maniera vantaggiosa non solo nella guarigione delle ferite ma anche nell’invecchiamento cutaneo in generale.

b2ap3_thumbnail_lucuma-polvere.jpg

Ma come può essere utilizzata la polvere di lucuma? Il modo migliore è quello di utilizzarla come dolcificante. L’estrema dolcezza, simile appunto a quella dell’acero, la rende ottima in tutte le preparazioni in pasticceria in sostituzione dello zucchero raffinato: creme, torte, gelati, frullati, budini ma anche in tutti quei piatti che necessitano consistenze cremose. L’alto contenuto di amido infatti fa si che possa essere impiegata come farina. Potete utilizzarla anche come dolcificante per le vostre bevande calde o nello yogurt, in sostituzione del comune zucchero o di tutti i dolcificanti artificiali, ci guadagnerete in termini di salute!

La polvere di lucuma infatti:

ha un indice glicemico basso e ciò la rende ottima anche per i diabetici

E’ priva di glutine e adatta anche per coloro che soffrono di celiachia

E’ ricca di fibre e carboidrati in grado di favorire il benessere di tutto l’apparato gastrointestinale

La niacina di cui è ricca aiuta a tenere a bada i livelli di colesterolo e trigliceridi

Vi riporto i valori nutrizionali per 100 g. di polvere di lucuma

329 kcal

87 g di carboidrati

2,3 g di fibre

4 g di proteine

2,4 g di grasso

Ma dove potete trovarla? Semplice, in tutti i negozi di alimentazione naturale, vicino alla stevia, allo sciroppo di mais…

non vi resta che provarla!

Alla prossima!

Stefania

Seguitemi anche suFacebook!

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook