Il colore e l’aspetto della nostra lingua ci dicono che….

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

 

Per centinaia di anni, l’analisi della lingua ha rappresentato uno straordinario metodo diagnostico che permetteva al medico di cogliere addirittura in anticipo le affezioni che si potrebbero verificare. Nella Medicina Tradizionale Cinese, l’osservazione della lingua è tenuta in grande considerazione, non a caso, negli anni ’80 furono fatti numerosi studi circa l’aspetto di questa e i tumori. Anche nell’antica medicina Ayurvedica, i medici utilizzavano l’osservazione della lingua non solo per stabilire l’appartenenza dell’individuo ad una costituzione piuttosto che ad un’altra, ma anche per valutarne lo stato di salute.

b2ap3_thumbnail_lingua-carta-geo.jpg

Purtroppo oggi questa pratica si è un po’ persa poiché prima si valutano tutta un’altra serie di parametri forniti da costosissimi esami di laboratorio e poi, tutt’al più, si da un’occhiata al paziente. Eppure, la lingua rappresenta un po’ la cartina al tornasole del nostro stato di salute che può indirizzare il medico non solo verso check up più mirati ma anche verso le prime cure. Chiaro che le risultanze emesse dall’osservazione della lingua devono poi essere completate dall’anamnesi fatta durante la visita e confrontate con eventuali esami strumentali. Ma ora vediamo di tracciare una piccola “mappa” della lingua per capire meglio cosa ci comunica con il suo colore e il suo aspetto:

La parte centrale (dalla punta alla radice) è la zona che rappresenta tutto l’apparato gastrointestinale: faringe, esofago, stomaco, duodeno, colon e retto.

Oltre al colon la parte centrale “ospita” la milza, il pancreas e il fegato

La radice della lingua è la zona di vescica, reni e apparato riproduttivo.

La punta della lingua corrisponde al cuore.

Il margine esteso di tutta la lingua ci da informazioni circa la funzionalità del fegato.

Quando la lingua ci dice che qualcosa non va…

Lingua bianca: malattia infettiva in atto, gastrite, ulcera gastrica

Lingua pallida: stato di anemia

Lingua secca: disidratazione, problemi renali, diabete

Lingua marrone/nero sviluppo batterico sulla lingua, gastrite, fumo

Lingua verde/gialla disturbi di fegato, cistifellea o milza.

Lingua a carta geografica: manifestazione allergica

Lingua che brucia: stato di depressione psichica

Lingua con chiazze bianche: forte ristagno di tossine nel tratto digerente

Lingua con punti rossi tipo angiomi: malattia angiomatosa che interessa fegato/polmoni

Lingua con la faccia inferiore gialla: congestione del fegato

Lingua gonfia: orticaria in atto

Lingua con puntini bianchi: mughetto, stato di immunodepressione

La lingua che esprime buona salute invece deve essere di colore roseo ai bordi e più chiara al centro, deve essere umida e i suoi margini devono essere lisci.

Per concludere, è importante prestare attenzione all’aspetto e al colore della vostra lingua e quella dei vostri bambini, per comprendere lo stato di salute e anticipare eventuali cure. A volte, per star meglio basta correggere l’alimentazione, specie quando è abbondante e scorretta, oppure adottare un regime detox per smaltire eventuali accumuli di tossine prima che queste creino maggiori danni.

Alla prossima!

Stefania

Seguitemi anche su Facebook

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook