Feijoa: cos’è, proprietà e come utilizzarla

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Oggi voglio parlarvi di questo meraviglioso quanto benefico frutto tropicale: la Feijoa. Ho avuto il piacere di assaggiarlo l’altra sera a casa di un amico che ha proprio la pianta nel suo giardino, e a quanto pare, questa è la sua stagione. Mi sono documentata un po’ e ho scoperto che è il frutto tropicale di un arbusto sempreverde, la Feijoa Acca Sellowiana, originario dell’America meridionale ma coltivato anche in Africa e nell’Italia Meridionale.

Questo frutto, dalla forma un po’ allungata, simile ad una prugna, ha una buccia verde scuro, liscia o irregolare. La parte interna è simile al nostro melone invernale, infatti è biancastra e con tanti piccoli semi. Il sapore però è la vera sorpresa: ricorda infatti un frullato di ananas e fragola in un mix equilibrato e dal profumo inebriante. La Feijoa è un frutto succoso che si fa apprezzare diviso a metà e mangiato con un cucchiaino come fosse un kiwi. La polpa è molto delicata e se volete conservarlo in frigo già tagliato, vi consiglio di passarlo con un po’ di acqua e limone per evitare che si ossidi.

b2ap3_thumbnail_feijoacucc1.jpg

Vanta innumerevoli proprietà benefiche che vanno al di là dell’elevato contenuto di vitamina C, comunque importante, specie in questo periodo quando bisogna fare i conti con i malanni di stagione. A fronte di un modesto valore calorico (solo 70 Kcal /100 g di polpa) e colesterolo zero, è ricco di fibre, beta carotene, vitamina B6, sali minerali, iodio e flavonoidi che migliorano il benessere dell’apparato circolatorio. Inoltre, recenti studi attribuiscono alla Feijoa importanti proprietà anticancerogene grazie alla quercitina e al canferolo presenti nella polpa.

b2ap3_thumbnail_feijoa-fiore_20141113-221413_1.jpg

Potete mangiarla fresca, come spuntino oppure in una macedonia invernale con arance, alchechengi e kiwi o ancora spremuta! Io la preferisco così com’è ma c’è anche chi la utilizza cotta o per preparare ghiotte marmellate. Anche i fiori sono commestibili e infatti, alcuni li mangiano freschi oppure passati in forno quanto basta a renderli croccanti a mo’ di chips. Io li ho utilizzati insieme alle foglie per preparare un infuso dolce e profumato dalle proprietà antibiotiche e immunostimolanti. Se vi capita, provatela, ne vale la pena!

Alla prossima!

Stefania

Seguitemi anche su Facebook!

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook