Colori e tipi psicologici

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Per individuare e correggere lo squilibrio cromatico di una persona, abbiamo bisogno di conoscere le sue caratteristiche, il tipo di problema che la affligge, e gli organi e i sistemi interessati, il tipo psicologico e magari anche il suo segno zodiacale.

L’uomo vede l’effetto dei colori cosmici, non i colori stessi! Questi sette raggi cromatici, che altro non sono che i raggi cosmici, sono responsabili in gran parte del processo di creazione, della nostra nascita, della nostra evoluzione e in definitiva del nostro stato di salute.

Per utilizzare la terapia dei colori,abbiamo a disposizione diversi metodi per formulare una diagnosi, ma in caso di problematiche serie è meglio rivolgersi ad un operatore specializzato.

Jung, definiva la simbologia del colore e l’interpretazione dei sogni come “Inconscio collettivo“: e cioè aspetti della coscienza umana, nonché parte integrante della sua saggezza persino in grado di influenzarne il suo vissuto sul piano fisico, mentale e spirituale.

In linea generale, la preferenza di un colore invece che un altro ha una base psicologica di cui è possibile servirsi in sede di diagnosi:

gli introversi amano i colori freddi in quanto non hanno bisogno di stimolazioni esterne

gli estroversi prediligono i colori caldi

i soggetti emotivamente inibiti, possono restare scioccati dai colori in quanto questi aprono un varco nella loro interiorità che invece tendono a celare

i soggetti emotivamente sensibili reagiscono spontaneamente ai colori

le preferenze per i colori scuri, indicano depressione e malinconia; per quelli brillanti gioia e allegria

reazioni estreme e paradossali ai colori sono la spia di patologie

i flemmatici hanno una personalità rigida non sono predisposti alla terapia con i colori poiché sono incapaci di percepire in pieno le vibrazioni sottili dei colori stessi.

Un buon psicoterapeuta, dovrà, ai fini di impostare una corretta terapia, verificare in che modo l’individuo reagisce ai diversi stimoli cromatici valutandone le preferenze, considerando anche che ciascuna reazione è dettata dal tipo psicologico, fisico e che ogni disturbo ha in sé componenti fisiche e psicologiche contemporaneamente. Ecco che la cromoterapia, dovrà tenere conto del piano fisico, mentale ed emotivo al fine di ristabilire l’armonia in ciascuno di essi e fra loro.

Alla prossima!

Seguitemi anche su Facebook!

Stefania

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook